Bianca Atzei - La paura che ho di perderti

Italian

La paura che ho di perderti

Non ti sorprendo più con le mie follie
Con le mie teorie
Che per amarsi non per forza serve tanto tempo
O come dici tu, saggiamente
Forse neanche qualche giorno
 
Ma non dimentico neanche l’attimo in cui
Mi hai vista li seduta sola ad aspettarti
Tu te ne stavi li, fermo
Con la paura di svegliarti
 
Guardare insieme a te il sole sciogliersi
E tirar tardi in giro a piedi per le strade liberi
Poi non trovarsi, sentirsi persi
Con la paura di cercarsi
 
E allora porta via questa malinconia
Devi convincermi che non sei mai andato via
E adesso scaldami in tutti gli angoli
Con la tua pelle ed i tuoi baci e poi guariscimi
Fammi sentire tutta quella voglia che hai di vivermi
E poi cancella dentro me l'incertezza
E la paura che ho di perderti
 
La paura che ho di perderti...
 
Ed è incredibile se poi ripenso che
Il primo bacio è arrivato
Come un acquazzone imprevedibile
Ma cosi bello, come pioggia, pioggia dopo tanto sole
Io che stringevo le tue mani per ore
E ti dicevo che dalle mani sento molte cose
Tu non capivi le mie parole
Ma le capisci ora, ora che non stiamo insieme!
 
E allora porta via questa malinconia
Devi convincermi che non sei mai andato via
E adesso scaldami in tutti gli angoli
Con la tua pelle ed i tuoi baci e poi guariscimi
Fammi sentire tutta quella voglia che hai di vivermi
E poi cancella dentro me l'incertezza
E la paura che ho di perderti
Di perderti...
 
E allora porta via questa malinconia
Devi convincermi che non sei mai andato via
E adesso scaldami in tutti gli angoli
Con la tua pelle ed i tuoi baci e poi guariscimi
Fammi sentire tutta quella voglia che hai di vivermi
E poi cancella dentro me l'incertezza
E la paura che ho di perderti
La paura che ho di perderti
 
Submitted by Saint-Laurent on Mon, 04/11/2013 - 21:24
Last edited by Alma Barroca on Sat, 25/03/2017 - 21:49
Thanks!

 

Bianca Atzei: Top 6
Idioms from "La paura che ho di perderti"
Comments
Alma Barroca    Sat, 25/03/2017 - 21:52

Video added. I also split some stanzas that were very long and confusingly formatted.