Fabrizio Casu - Mancumari

Sardo-corsican

Mancumari

V’è ga dizi chi la vidda
è una cuntinua pasthidda,
in chisthu soggu d’accosdhu, sì parò
abà prubeddi a ippiegammi
acchì vibu di maranni,
si chishta pasthidda è pessa oppuru no.
No arribu mai a fini mesi,
campu pa pagà l’ippesi
pa ticcià la panza di ga dizi chi
“chisthi tassi sevvini pa sanà tuttu”
E a me inveci poi ca m’abarà a sanà?
 
Mancumari…
semmu tutti di passaggiu
ma candu murimmu zi paghemmu lu viaggiu.
Pa lu mamentu no vi vogliu pinsà
e innogghi puru mi pongu a cantà.
 
Mi fazi ridì un amiggu,
fabiddendi di trabagliu
dizi chi “si è fissu poi ti poi annuià”,
l’ha dittu in televisioni
a mirioni di passoni.
Daboi di chisthu cosa zi pò augurà?
Mi veni da frasthimatti,
da pigliatti e sthranguratti,
ma nimmancu chissu inveci possu fà,
lu chi possu fà è tirà addananzi e muddu
chi tra poggu pagu puru pa rippirà.
 
Mancumari…
semmu tutti di passaggiu
ma candu murimmu zi paghemmu lu viaggiu.
Pa lu mamentu no vi vogliu pinsà
e innogghi puru mi pongu a cantà.
 
Submitted by Hampsicora on Wed, 03/01/2018 - 20:04
Last edited by Hampsicora on Wed, 10/01/2018 - 20:56
Thanks!

 

Comments