Un nuovo mondo (Unu mondu nou [How Far I'll Go])

Sardinian

Unu mondu nou [How Far I'll Go]

Deu biu is ondas de su mari cantendu
Cu custa asula vogi
Melodias intendias giai
S'abba mi sussurat a s'origa
Perendumì una risposta
Ca deu non isciu donai
 
Donnia lugi seghia in bita mia
Sempri m'at portau in sa propria bia
Au su mari contat una poesia
Ca intendu mia
 
Biu, pittau da is celus, s'orizonti
Ca acuat unu donu aintru de su coru
I sa manu de su bentu prus durci i callenti
Mi est giai circhendu
Apu a boli biri eita at acuai de nou
 
Ma innoi
Biu su fragu de su bregiori
Ca su frori de s'amori
Spragit in s'ànima
Tengiu de stimai a sa mia genti
Fai nasci su splendori impitzu a custa ìsola
 
Deu apu a aparrai a conca arta innoi
Già ci d'apu a fai, chi mi pongiu immoi
Ma non potzu mai essi chini soi...
Sentza de su mari miu
 
Biu sa lugi de su soli dorau fueddendu
Cali est su contu ca 'si est contendu?
Su respiru de su bentu est spingendumì annanti i
Commenti fogu
Brugiat aintru de mei su disigiu de andai
 
Chi su mari est cantendu a di
Est po mei
I deu non potzu fai finta de nudda
Una nui perit: "Oh, Vaiana au ses?"
Già soi arribendu in su mondu nou!
 
Submitted by Anna Elsa J. on Thu, 13/07/2017 - 19:19
videoem: 
Align paragraphs
Italian translation

Un nuovo mondo

Io vedo le onde del mare cantare
Con questa azzurra voce
Melodie sentite già
L'acqua mi sussurra all'orecchio
Chiedendomi una risposta
Che io non so dare
 
Ogni luce seguita nella mia vita
Mi ha portato sempre nella stessa strada
Dove il mare racconta una poesia
Che sento mia
 
Vedo, dipinto dai cieli, l'orizzonte
Che nasconde un dono all'interno del cuore
E la mano del vento più caldo e dolce
Mi sta già cercando
Vorrei vedere cosa nasconderà di (così) nuovo
 
Però qui
Vedo l'odore di felicità
Che il fiore dell'amore
Diffonde nell'anima
Devo voler bene alla mia gente
Far nascere lo splendore sopra questa isola
 
Io rimarrò a testa alta qui
Certo che ce la farò, se mi ci metto adesso
Ma non posso mai essere chi sono...
Senza il mio mare
 
Vedo la luce del sole dorato parlare
Qual è il racconto che vi/ci sta raccontando? (*1)
Il respiro del vento mi sta spingendo avanti e
Come fuoco
Brucia al mio interno il desiderio di andare
 
Se il mare sta cantando alla giornata
È per me
Ed io non posso far finta di niente
Una nuvola chiede: "Ehi, Vaiana, dove sei?"
Non preoccuparti, sto arrivando nel mondo nuovo! (2*)
 
Submitted by Anna Elsa J. on Thu, 13/07/2017 - 19:40
Last edited by Anna Elsa J. on Wed, 02/08/2017 - 16:33
Author's comments:

1) Il pronome 'si, in sardo, deriva dall'elisione di quelle che prima erano "NOSI" e "BOSI" ("CI" e "VI"). Ecco perché "Cali est su contu ca 'si est contendu" può significare sia "Qual è il racconto che VI sta raccontando?" che "Qual è il racconto che CI sta raccontando?"

2) In sardo "Già" serve sia per dar maggior enfasi ad un concetto o, paraddosalmente, esprirmene l'esatto contrario, utilizzando così una nota ironica (Ad esempio "Già ses bellu" può significare sia "Sei davvero bello!" sia "Oddio, come sei brutto!"). Non va confuso con "Giai" che, invece, è come il normale "già" italiano.
Nella canzone vi sono due versi in cui lo utilizzo:

- "Già ci d'apu a fai"; quel "Già" dà maggior enfasi a "ci d'apu a fai" (= ce la farò) e l'ho tradotto con "Certo che ce la farò". È come dire "Si, è ovvio che posso farcela, è impossibile non riuscirci".

- "Già soi arribendu"; il "Già" dà maggior enfasi a "soi arribendu" (=sto arrivando). È come dire: "Si, mi son messo già in moto, sto arrivando, non c'è bisogno che me lo chiedi, non preoccuparti". Ecco il motivo per cui ho scritto "Non preoccuparti" davanti "sto arrivando", anche se in realtà letteralmente non c'è.

More translations of "Unu mondu nou [How Far I'll Go]"
Sardinian → Italian - Anna Elsa J.
Comments