The Geography Of My Way

Olasz

La geografia del mio cammino

 

"E di chi sarà il coraggio, allora, se non sarà il mio?
se si spegne quella luce
resto io
di chi è la più profonda decisione?
al di là dei sogni appesi ad una canzone
oggi riconosco il suono
della voce di chi sono

e mi fido di un passato carico d'ingenuità
di chi va dallo stuporea un'altra età
perchè quando sembra tutto poco chiaro
se mi fermo alla ricerca di un pensiero
scopro in uno specchio il cielo
e la geografia del mio cammino

da me
torno da me
perchè ho imparato a farmi compagnia
dentro di me
rinasco e frego la malinconia
bella come non mi sono vista mai, io mai
fianco a fianco al mio destino
scritto nelle linee della mano

l'uragano che mi gira intorno
sono solo io
vedo la speranza in fondo a quell'oblio
il difetto è l'esperienza che non ho ancora
ma non me ne prendo cura
non ho più paura

da me
torno da me
perchè ho imparato a farmi compagnia
dentro di me
ripeto una bestemmia una poesia
bella come io non l'ho sentita mai, io mai
occhi dritti all'orizzonte
sull'asfalto lascio le mie impronte

cos'è la solitudine?
cos'è?
ho voglia di deciderlo
da me
da me

torno da me
da me per non andarmene più via

torno da me
scopro in uno specchio il cielo
e la geografia del mio cammino

del mio cammino"

Videó megtekintése
Try to align
Angol

The Geography Of My Way

Versions: #1#2

And who will have the courage if not me?
If that light goes out,
I will stay.
Who will take the most considered decision?
Somewhere there the dreams are turning into a song.
Today I am recognizing the sound
Of my own voice.

And I trust to the past loaded with the naivety
Which makes strike at any age
Because when all seems to be so unclear
If I stop to think over,
I find a mirror in the sky,
It is the geography of my way.

To me,
I am coming back to me
Because I have learned to be with myself
Inside of me,
I am reborn and won the sadness.
I am so beautiful as I have never seen myself, never.
Shoulder to shoulder to my destiny
Written in the lines of my hand.

The hurricane which rotates me around
It's just me,
I see the hope in this oblivion.
The disadvantage is that I don't have an experience yet
But it doesn't bother me any more,
I am not afraid any more.

To me,
I am coming back to me
Because I have learned to be with myself
Inside of me,
I am repeating the nonsense, a poem.
I am beautiful as I have never felt, never.
The eyes straight to the horizon
I am leaving my imprints on the asphalt.

What is the loneliness?
What is it?
I have wish to understand it.

To me,
To me.
I am coming back to me
Not to go away any more,

I am coming back.
I find a mirror in the sky,
It is the geography of my way,
Of my way.”

Kűldve: Felice1101 Péntek, 02/03/2012 - 10:54
thanked 8 times
FelhasználóTime ago
Hannahx12849 hét 4 óra
Guests thanked 7 times
0
Értékelésed: Nincs
Hozzászólások