F.Charm - La poarta raiului (traduzione in Italiano)

Rumeno

La poarta raiului

Botezat cu apa, ca sa nu m-aprinda focu’
Calc pe unde-i cate-o groapa, ocolesc norocu’
Sunt om si omul cade in pacat
Mi-a parut rau mai mereu, dar am luat-o de la cap
 
Am mintit, multe s-au indragostit
Multe singure-au plecat, altele m-au blestemat
Am furat, inapoi nu am mai dat
Iar apoi m-am bucurat, nu m-am simtit vinovat
 
Am fost mandru, Doamne, de multe ori in viata
Iar in ochii tai de sus, am parut doar o paiata
Am fost lacom, egoist, am fost rau ca sa rezist
N-am fost milostiv mereu, cand altii erau la greu
 
Am vanat doar din placere
Am si provocat durere
Si-am facut si compromisuri, dar am strans mereu din dinti
Am cazut tot in pacat, pentru iubirea de arginti
 
Bat la poarta raiului, cu pacate milioane
Cu capul in pamant, eu te rog: Deschide, Doamne
Mi-e frig si am frisoane, mi-e sete si mi-e foame
Cu capul in pamant, eu te rog: Deschide, Doamne
 
Bat la poarta raiului, cu pacate milioane
Cu capul in pamant, eu te rog: Deschide, Doamne
Mi-e frig si am frisoane, mi-e sete si mi-e foame
Cu capul in pamant, eu te rog: Deschide, Doamne
 
Am cunoscut si desfranarea, ca e o moda inca
Sa ai una cuminte ascasa si inca cinci pe langa
Si mi-a placut ca ma simteam barbat intr-un sistem
Unde barbatia-i masurata-n c*rvele din harem
 
Am fost lenes, cand puteam sa muncesc ceva
M-am bucurat sa ard tigara-n aburi de cafea
Mi-ai dat semnale de alarma, Doamne, ca sa ma trezesc
Dar eu, prea slab, am ocolit mereu sa le privesc
 
Am avut si-n ochi invidie, de la gustul vinului
Cu ochii peste gard mereu, la capra vecinului
Si, de la invidie, e un pas pana la ura
Am gustat chiar si din asta, si cu gandul, si din gura
 
Din vorba-n vorba si din pacat in pacat
Am ajuns la rascruce, cu capul plecat
Sunt de neiertat, dar, te rog, iarta-ma, Doamne
Inchide portile iadului ce vor sa ma condamne
 
Bat la poarta raiului, cu pacate milioane
Cu capul in pamant, eu te rog: Deschide, Doamne
Mi-e frig si am frisoane, mi-e sete si mi-e foame
Cu capul in pamant, eu te rog: Deschide, Doamne
 
Bat la poarta raiului, cu pacate milioane
Cu capul in pamant, eu te rog: Deschide, Doamne
Mi-e frig si am frisoane, mi-e sete si mi-e foame
Cu capul in pamant, eu te rog: Deschide, Doamne
 
Decizia mi-este ferma, eu il vreau pe Dumnezeu
Si nu oricum, ci vreau ca inca pe pamantul asta Dumnezeu sa ma schimbe
In cer o sa fiu schimbat ca va fi oricum
Ca trupul asta ramane jos si sufletul se duce
 
Dar eu vreau schimbare de la Dumnezeu aici pentru mine
Vreau sa cresc in relatia mea cu Dumnezeu
Asta este primul lucru
Este sa vad milioane de oameni, ca merg p-acelasi drum pe care merg si eu
Si pe care-au mers milioane de oameni de-alungul veacurilor
 
Postato da Alex Dascalu Gio, 16/11/2017 - 21:06
Ultima modifica Fary Ven, 24/11/2017 - 19:04
Allinea i paragrafi
traduzione in Italiano

Alla porta del paradiso

Battezzo con l'acqua, per non essere acceso dal fuoco
Passo dove c'è una fossa, devio la fortuna
Sono un uomo e l'uomo cade in peccato
Mi è dispiaciuto sempre, ma ho ripreso dall'inizio
 
Ho mentito, molte si sono innamorate
Molte da sole se ne sono andate, altre mi hanno maledetto
Ho rubato, indietro non ho ridato
E poi mi sono rallegrato, non mi sono sentito colpevole
 
Sono stato fiero, Signore, molte volte nella vita
E nei tuoi occhi dall'alto, sono sembrato solo una (banderuola?)
Sono stato avido, egoista, sono stato cattivo per resistere
Non sono sempre stato misericordioso, quando gli altri erano in difficoltà
 
Ho cacciato solo per piacere
Ho anche provocato dolore
E ho fatto anche compromessi, ma ho sempre stretto i denti
Sono sempre caduto nel peccato, per l'amore dell'argento
 
Busso alla porta del paradiso, con milioni di peccati
Con la testa sotto terra, io ti prego: Apri, Signore
Ho freddo e ho i brividi, ho sete e ho fame
Con la testa sotto terra, io ti prego: Apri, Signore
 
Busso alla porta del paradiso, con milioni di peccati
Con la testa sotto terra, io ti prego: Apri, Signore
Ho freddo e ho i brividi, ho sete e ho fame
Con la testa sotto terra, io ti prego: Apri, Signore
 
Ho conosciuto anche la lussuria, che è una moda ancora
Averne una buona a casa e altre cinque da altre parti
E mi è piaciuto sentirmi uomo in un sistema
Dove la mascolinità era misurata nelle p*ttane dell'harem
 
Sono stato pigro, quando potevo lavorare a qualcosa
Mi sono rallegrato nel bruciare la sigaretta nel vapore del caffè
Mi hai dato segnali d'allarme, Signore, per svegliarmi
Ma io, troppo debole, ho sempre evitato di guardarli
 
Ho avuto anche negli occhi l'invidia, dal gusto del vino
Con gli occhi oltre il cancello sempre, sulla capra del vicino
E, dall'invidia, è un solo passo fino all'odio
Ho assaggiato anche questa, anche col pensiero e anche con le parole
 
Di parola in parola e da peccato in peccato
Sono arrivato al bivio, con la testa abbassata
Sono imperdonabile, ma, ti prego, perdonami, Signore
Chiudi le porte dell'inferno che mi vogliono condannare
 
Busso alla porta del paradiso, con milioni di peccati
Con la testa sotto terra, io ti prego: Apri, Signore
Ho freddo e ho i brividi, ho sete e ho fame
Con la testa sotto terra, io ti prego: Apri, Signore
 
Busso alla porta del paradiso, con milioni di peccati
Con la testa sotto terra, io ti prego: Apri, Signore
Ho freddo e ho i brividi, ho sete e ho fame
Con la testa sotto terra, io ti prego: Apri, Signore
 
La decisione mi è chiara, io voglio Dio
E comunque no, voglio che ancora Dio su questa terra mi cambi
In cielo sarò cambiato perchè lo sarà comunque
Perchè questo corpo rimane giù e l'anima va
 
Ma io voglio un cambiamento da Dio qui per me
Voglio crescere nella mia relazione con Dio
Questa è la prima cosa
Vedere milioni di persone, che camminano sulla stessa strada su cui cammino anche io
E sulla quale hanno camminato milioni di uomini lungo i secoli
 
Postato da Lidia Elena Sab, 02/12/2017 - 20:31
Aggiunto su richiesta di Alex Dascalu
F.Charm: 3 più popolari
See also
Commenti fatti