Federico Bergonzoni - La gente che parte

Advertisements
Италиански

La gente che parte

La gente che parte
Affolla le stazioni
Che sono i luoghi più vicini
Alla lontananza
Il punto esatto da cui inizia
Ogni distanza
Nello stesso tempo
il qui e l’altrove.
 
La gente che parte
È un’immagine sfuocata
Come certe fotografie
Scattate di fretta
E passa veloce
E non ci aspetta
E nella nostra mente
non lascerà traccia.
 
Tu diventavi un punto piccolo lontano
Mentre la mia mano sventolava contro il cielo
Ed ero io che partivo
Ma non immaginavo che saresti stata tu
A non tornare mai più.
 
La gente che parte
A volte vuole ritrovare
Ciò che resta di un’emozione
Vissuta un tempo
Ma il suo ricordo
Non si è mai spento
E cerca nel futuro
il suo passato.
 
La gente che parte
Scrive lettere d’addio
Che non avrà mai il coraggio
di spedire
E il silenzio è un vuoto
Difficile da riempire
Più grande di qualsiasi lontananza.
 
Tu diventavi un punto piccolo lontano
Mentre la mia mano sventolava contro il cielo
Ed ero io che partivo
Ma non immaginavo che saresti stata tu
A non tornare mai più.
 
La gente che parte
Non ci lascia mai veramente
Ma continua ad accompagnarci
Ogni giorno
Invano attendiamo
Un loro ritorno
Ci consoliamo guardando
Un ricordo.
 
La gente che parte
A volte parte per tornare
Ma ha lasciato la sua vita
Ferma chissà dove
Forse si è impigliata fra le pieghe
Di un’illusione
Insieme ad una speranza
E ad un amore.
 
Tu diventavi un punto piccolo lontano
Mentre la mia mano sventolava contro il cielo
Ed ero io che partivo
Ma non immaginavo che saresti stata tu
A non tornare mai più.
 
Пуснато от ГостГост в Нед, 24/03/2019 - 20:41
Коментари на автора:
Добавен превод, изпълнявайки заявка, направена от JSS GNYJSS GNY
Благодаря!

 

Advertisements
Видео
Коментари