Femu Cassadori (превод на Италиански)

Advertisements
Сардински

Femu Cassadori

Femu cassadori, e tenemu scupetta
E mai una betta — emu potziu cassai.
 
Ah! ita fortuna cust'orta appu tentu!
Sendir'arziendi ind'una muntagnedda,
Andendur'a cassa po divertimentu,
Incontru passendiri una bettixedda
Tanti bellixedda - sartiendi in s'arrocca,
Beni fatt'e conca - de corpus gratziosa;
Fiat grandu cosa - su ddi ponni avatu;
M'aturu unu tratu - po dda cuntemplai.
 
Po dda cuntemplai - m'aturu unu pagu
Po dda biri sola sartiend'e gioghendi;
M'arrimu a su truncu de unu bell'imbragu,
Po mi benni a tiru femu castiendi,
Ma cunsiderendi - comenti pasciat,
Mali mi pariat - su dda tenni morta:
Resolvu de un' 'orta - de no dda bociri,
Dd'olemu sighiri - sentz' 'e dda sparai.
 
Dd'olemu sighiri - fìnzas aund'andàt
Sentz'e mi dda perdi de vista un'istanti,
A dognia parti issa si castiàt,
Po chi cassadori non fessit ananti,
Ma deu costanti - in cudd' idea mia
Sighemu in sa bia - ch'issa caminàt
Si si furriàt - deu m'acuamu,
I attesu nd'andamu - po no m'osservai.
 
Po no m'osservai — de cussas alturas,
E de un'altu boscu prenu de spinas,
Deu dd'aspettamu in mesu a is pranuras,
Po dda ferri beni asutta de sa schina:
Ma issa mischina - sa morti timendi,
Andàt scartendi - cuddu logu claru,
Po tenni reparu - de no essi bista,
Caminendi crispa - po no dda ciapai.
 
Caminendi crispa - in cussu montixeddu,
E scurta scurta senz' 'e si fidai;
Ita fazzu deu, senza de cerbeddu
Su passu de pressi mi pongu avanzai;
A si furriai - benit a mi biri;
Scapat a fuiri - coment'e unu lampu,
Fuit de su campu - a mesu su padenti,
Sentz'e sciri comenti - dda podi incontrai.
 
No sciemu comenti - prus dda podi biri
Cun disisperu de s'anima mia;
Si de una parti dd'olemu sighiri,
Mirendu s'arrastu, a bortas ddu perdiat;
De tali genia - passu meda rau;
Sentendu su fattu - de m'essi incrarau;
Non perdu coidau - camminu de pressi,
Penzendi ch'iad essi - in logh'e riposai.
 
Penzendi, ch'iad essi - comenti giai fiat,
Asutt'e una matta dda biu discanzendu,
Dda miru, e m'acattu chi prus no podiat
Scampai de mei, mischina, currendu;
Dda biu dormendu - cun grandu durciura;
Biu s’ermosura – mi ndi parit mali,
Chi corpu fatali - ddi trunchit sa vida:
Senza de ferida - dd'olemu gosai.
 
Chi si est dormida - dda scidu in cust'ora...
Mi ndi cumpassivu, e ndi tengu piedadi,
Custa betta mia dd'arriservu ancora,
Biendu chi portat tanti giustedadi,
Canzau giai m'at - ma est gratziosa,
No est mellus cosa - de dda biri gioghendu.
Est lesta sartiendu - est med'attrattiva;
Chi a prusu m'attriva - no mi fait prexeri;
Giai ndi seu meri - no dd'ollu sparai.
 
Пуснато от HampsicoraHampsicora в Пон, 04/02/2019 - 17:37
Коментари на автора:

Femu cassadori (Efis Pintor Sirigu, Cagliari 1765 - 1814)

превод на Италиански
Подравни параграфите
A A

Ero cacciatore

Ero cacciatore e avevo un fucile
E mai una cerbiatta potei acchiappare.
 
Ah, che fortuna ho avuto stavolta!
Mentre salivo su un piccolo monte,
andando a caccia per divertimento,
incontro una piccola cerbiatta
tanto carina mentre saltava sulle rocce,
dalla testa ben fatta e dal corpo grazioso;
seguirla era una gran bella cosa;
mi fermo un momento per contemplarla.
 
Per contemplarla mi fermo un pochino,
per vederla mentre salta e gioca da sola;
mi accosto a un tronco d’albero ombroso,
cercavo di prendere la mira per sparare,
ma considerando come pascolava,
mi dispiaceva di catturarla morta:
infine decido di non ucciderla,
volevo seguirla e non spararla.
 
Volevo seguirla dovunque andasse
senza perderla di vista un solo istante,
lei guardava intorno da tutte le parti,
se non ci fosse un cacciatore davanti a lei,
ma io restavo fisso in quella mia idea,
seguivo la via che lei percorreva.
Se si voltava, io mi nascondevo,
e mi allontanavo per non essere osservato.
 
Per non essere osservato da quelle alture
e da un alto bosco pieno di spine,
io l’aspettavo in mezzo alle radure,
per colpirla bene sotto la schiena:
ma lei, poverina, temendo la morte,
camminava evitando quel luogo aperto
per stare al riparo dalla mia vista,
camminando rapida per non farsi acchiappare.
 
Camminando rapida in quella montagnetta
e tendendo l’orecchio senza fidarsi;
che cosa faccio io? senza cervello,
prendo ad avanzare con passo veloce;
lei, nel voltarsi, mi vede;
scappa fuggendo come un lampo,
fugge dal campo, in mezzo alla foresta,
e io non so come potrò ritrovarla.
 
Non sapevo come poterla rivedere,
l’anima mia era disperata;
se da una parte la volevo seguire,
osservando le tracce, a volte le perdevo;
in questo modo passa molto tempo;
rimpiangendo il fatto di essermi esposto;
non resto indietro, cammino in fretta,
pensando che fosse in qualche posto a riposarsi.
 
Pensando che fosse, com’era in realtà,
la vedo che si riposa sotto un albero,
la guardo e mi accorgo che non poteva più
salvarsi da me correndo, poverina;
la vedo che dorme con gran dolcezza;
vedo la bellezza, mi dispiace tanto
che un colpo fatale le stronchi la vita:
senza alcuna ferita volevo godermela.
 
Se si è addormentata, la sveglio subito…
mi impietosisco, e ne ho pietà,
questa mia cerbiatta la risparmio ancora
vedendo che ha tanta rettitudine,
mi ha già stancato ma è graziosa,
non c’è niente di meglio che vederla giocare.
E’ veloce quando salta, ed è molto attraente;
non mi fa piacere osare più di questo;
ne sono già padrone, non voglio spararla.
 
Пуснато от HampsicoraHampsicora в Съб, 20/12/2014 - 20:55
Последно редактирано от HampsicoraHampsicora на Пет, 07/08/2015 - 15:49
Коментари на автора:

Traduzione richiesta da Ancientmuse

5
Вашето класиране:None Средна оценка: 5 (1 vote)
See also
Коментари
GuestGuest    Съб, 20/12/2014 - 23:33

Perfetta traduzione! É una meravigliosa poesia! Grazie tanto, Marco! :-)

HampsicoraHampsicora    Нед, 21/12/2014 - 11:27

Grazie a te Fani. E grazie per aver postato questa bella poesia.
Quanto alla perfezione... beh, ehm, lo dico con molta modestia, sarebbe strano il contrario :bigsmile:

GuestGuest    Нед, 21/12/2014 - 12:11

Si, ho capito il tuo connessione di pensiero!! Ma veramente é perfezione! 8)