Aànti (ইতালীয় অনুবাদ)

Advertisements
Lombard

Aànti

Me piàs el cül de fónna, el me cambia la giurnada;
la còstola de Adamo l’è stada bé impiegada.
E pò me piàs i öc e cèrte bèle bóche,
e pò, per dìla töta, me piàs a pò a’ le söche.
 
Parlómes ciàr: amire e rispète ’l sesso debole,
e unure quando pòde töc i sò particolàr.
Misògino? Dacórde, ma dìm se l’è mìa éra:
té dàga a giöna ’l la, la se ambia a ciciarà.
 
E la va aànti, avanti, avanti.
E la la lasa pö lé.
La la lasa pö lé.
 
Só ’nnamuràt de giöna, la gh’ìa du bèi galù
e i fiànch comè una bòsa, ma gh’ó mìa éste bun
che la sò bèla bóca l’ìa sèmper en muimènt.
E gh’è sücès en céza, pròpe in chèl momènt
che son rïàc deànti al prét per dì de sé;
la varde e pò ghe fó: «Amore, cosa c’è?»
La gh’à ’ncruzàt i bras, la gh’à ciapàt el fiàt,
e alura gh’ó capìt che fritada gh’ére fat.
 
È ’nada aànti, avanti, avanti.
E la lasàa pö lé.
La lasàa pö lé.
 
La sarès ’nada avanti, e avanti avanti amò,
finchè l’cambiàa ’l cöràt o fin quando l’sarès mórt.
La gh’arès dizmitìt de cüntà sö i sò fac
quand che i gnarì ’n de ’l còro i sarès partìc soldàc.
 
Pò ndóm töc a diznà; alura gh’ó notàt
le fèste che me fàa i suòceri e ’l cögnàt;
e töta la famìa, comè i m’à ringrasiàt!,
però me par istrano per cóme i gh’à gregnàt.
 
E l’ó spuzada, ormài l’è fada, i l’à piasada
pròpe adòs a mé,
pròpe adòs a mé.
 
La parla quand che dórme, quand me se fó la barba,
la parla pò a la fèsta e quand che tàe l’èrba,
se ndó a l’osterìa co i òm a ’nciochetàm;
la parlà se só zó nella büza de ’l ledàm.
 
La parla e la söghéta, e avanti amò de piö,
se mange, bée o lèze o se è, ghe pènse sö.
L’è giöna che döpèra mìa apéna dò paròle:
perchè apéna dò quando che n’va bé pò a mile?
 
E la söghéta, e la söghéta, e la söghéta.
E la la móca pö lé.
La la móca pö lé.
 
La parla sènsa trégua, pò quand che ndó ’n de ’l lèt,
e gnanche in chèi momènc, vigliàch se l’l’à dezmèt!
E la se férma mìa ma gnanche sö ’l piö bèl,
a parte ’n’uzadina o qualche versadèl.
 
La scólta mìa nisü: mé pòde sbadacià,
’nnà ’n giro sènsa braghe, rotezà e scorezà:
la pèrd gna ’na paròla; el sét che pòde fà?
Empinìla de benzina e domandàga de ’mpisà.
 
E la va aànti, avanti, avanti.
E la la lasa pö lé.
La la lasa pö lé.
 
Issé, de ’n dé co l’óter, el tòr l’è dïentàt bò:
l’è ndada ’n de la stala, la gh’à fat ndà zó i coió.
Madonna mia santissima, te préghe, Immacolata,
entàt che vé ’l tò régno, fàmela dïentà möta.
 
Té ta pò mìa credìga, ma la m’è comparida
pròpe la Santa Vergine, só mìa comè l’è stada,
con el sò manto blö; la gh’à leàt ’na mà,
mé gh’ó slongàt l’olana, e la gh’à cuminciàt.
 
L’è ndada avanti, avanti, avanti.
E la lasàa pö lé.
La lasàa pö lé.
 
Oh, ghe tègne a dì che unure lé e töt el rèst de la famìa, nè,
ma sèrte che fónne, dàga ’n münìt per ciciarà, e…
le va aànti, avanti, avanti.
 
সাবমিটার এর মন্তব্য:

Dialetto bresciano.

ইতালীয় অনুবাদইতালীয়
Align paragraphs
A A

Avanti

Mi piace il culo di donna, mi cambia la giornata;
la costola di Adamo è stata ben impiegata.1
E poi mi piacciono gli occhi e certe belle bocche,
e poi, per dirla tutta, mi piacciono anche i meloni.2
 
Parliamoci chiaro: ammiro e rispetto il sesso debole,
e onoro quando posso tutti i suoi particolari.
Misogino? D’accordo, ma ditemi se non è vero:
tu da’ ad una il la, comincia a chiacchierare.
 
E va avanti, avanti, avanti.
E non la smette più.
Non la smette più.
 
[Mi] sono innamorato di una, aveva due belle cosce
e i fianchi come una caraffa, ma non ho visto bene
che la sua bella bocca era sempre in movimento.
Ed è successo in chiesa, proprio in quel momento
in cui sono arrivato davanti al prete per dire di sì;
la guardo e poi le dico: «Amore, cosa c’è?»
Ha incrociato le braccia, ha preso fiato,
e allora ho capito che frittata avevo fatto.
 
È andata avanti, avanti, avanti.
E non la smetteva più.
Non la smetteva più.
 
Sarebbe andata avanti, e avanti avanti ancora,
finché non fosse cambiato il curato o fin quando fosse morto.
Avrebbe smesso di raccontare le sue faccende
quando i ragazzini del coro fossero partiti soldati.
 
Poi andiamo tutti a pranzare; allora ho notato
le feste che mi facevano i suoceri e il cognato;
e tutta la famiglia, come mi ha ringraziato!,
però mi sembra strano come ridevano.
 
E l’ho sposata, ormai è fatta, l’hanno piazzata
proprio addosso a me,
proprio addosso a me.
 
Parla quando dormo, quando mi faccio la barba,
parla anche durante le feste e quando taglio l’erba,3
se vado all’osteria con gli uomini a ubriacarmi;
parla se sono giù nella buca del letame.
 
Parla e continua, e avanti ancora di più,
se mangio, bevo o leggo o qualsiasi cosa, ci penso su.
È una che non usa solo due parole:
perché appena due quando vanno bene anche mille?
 
E continua, e continua, e continua.
E non la pianta più.
Non la pianta più.
 
Parla senza tregua, anche quando vado a letto,
e neanche in quei momenti, guai se smette!
E non si ferma neanche sul più bello,
a parta un urletto o qualche versetto.
 
Non ascolta nessuno: io posso sbadigliare,
andare in giro senza pantaloni, ruttare e scorreggiare:
non perde neanche una parola; sai che posso fare?
Riempirla di benzina e domandarle da accendere.
 
E va avanti, avanti, avanti.
E non la smette più.
Non la smette più.
 
Così, da un giorno all’altro, il toro è diventato bue:
è andata giù nella stalla, gli ha fatto cascare le palle.
Madonna mia santissima, ti prego, Immacolata,
mentre viene [aspettiamo che venga] il tuo regno, fammela diventare muta.
 
Tu puoi non crederci, ma mi è comparsa
proprio la Santa Vergine, non so com’è stato,
con il suo manto blu; ha alzato una mano,
io ho allungato un orecchio, e ha cominciato.
 
È andata avanti, avanti, avanti.
E non la smetteva più.
Non la smetteva più.
 
Oh, ci tengo a dire che onoro lei e tutto il resto della famiglia, eh,
ma certe donne, dà loro un minuto per chiacchierare, e…
vanno avanti, avanti, avanti.
 
  • 1. Riferimento al racconto biblico della creazione, secondo cui Dio avrebbe creato la donna (Eva), a partire da una costola dell’uomo (Adamo) (vedi Genesi 2,21-25).
  • 2. söca = zucca; testa; tetta.
  • 3. la festa = le festività, i giorni festivi.
অতিথিঅতিথি দ্বারা শনি, 07/10/2017 - 14:09 তারিখ সাবমিটার করা হয়
"Aànti" এর আরও অনুবাদ
ইতালীয় Guest
Charlie Cinelli: সেরা 3
Idioms from "Aànti"
মন্তব্যসমূহ