Elio e le Storie Tese - La terra dei cachi

  • Künstler/in: Elio e le Storie Tese
  • Album: Eat the Phikis
  • Übersetzungen: Englisch, Portugiesisch
Italienisch
A A

La terra dei cachi

Parcheggi abusivi, applausi abusivi,
villette abusive, abusi sessuali abusivi;
tanta voglia di ricominciare… abusiva.
 
Appalti truccati, trapianti truccati,
motorini truccati che scippano donne truccate;
il visagista delle dive è truccatissimo.2
 
Papaveri e papi, la donna cannolo, una lacrima sul visto.3
Italia sì, Italia no.
 
Italia sì, Italia no, Italia pum: la strage impunita.4
Puoi dir di sì, puoi dir di no, ma questa è la vita.
Prepariamoci un caffè, non rechiamoci al caffè:
c’è un commando che ci aspetta per assassinarci un po’.5
Commando sì, commando no, commando omicida.
Commando pam, commando papapapapam; ma se c’è la partita
il commando non ci sta e allo stadio se ne va,
sventolando il bandierone, non più il sangue scorrerà;
infetto sì, infetto no, quintali di plasma.
Primario sì, primario dai, (aah!) primario fantasma;6
io fantasma non sarò e al tuo plasma dico no;
se dimentichi le pinze fischiettando ti dirò
«fi fi fi-fi fi fi fi-fi, ti devo una pinza,
fi fi fi-fi fi fi fi-fi, ce l’ho nella panza».7
Viva il crogiuolo di pinze, viva il crogiuolo di panze.
Quanti problemi irrisolti, ma un cuore grande così. Così.
 
Italia sì, Italia no, Italia gnamme: se famo du spaghi.8
Italia sob, Italia prot, la terra dei cachi.
Una pizza in compagnia, una pizza da solo;
un totale di due pizze e l’Italia è questa qua.
 
Fuffaffifì, fuffaffifì, Italia evviva.
Italia perfetta (peppeppepè nannannanai).
Una pizza in compagnia, una pizza da solo,
in totale molto pizzo, ma l’Italia non ci sta.9
Italia sì Italia no.
Italia sì (ué), Italia no. (ué ué ué ué ué).
 
Perché la terra dei cachi è la terra dei cachi.
 
  • 1. Questa canzone apparentemente scanzonata è una critica verso il malcostume italiano dell’epoca (anni ’90): scandali politici, sanitari, sociali,…
  • 2. Nella versione dell’album Gattini, il verso diventa il visagista delle dive adesso è un altro (Gil Cagnè, a cui il verso si riferisce, è morto nel 2003).
  • 3. Gioco di parole con le canzoni Papaveri e papere, La donna cannone e Una lacrima sul viso.
    (alto) papavero = personalità di spicco (che potere politico, economico, religioso, …). ‟papaveri e papi” si può riferire alla commistione tra potere politico e religioso (il Vaticano ha sempre interferito con la politica italiana, grazie anche al suo enorme potere economico).
    cannolo = dolce tipico siciliano.
    donna cannone = donna estremamente grassa; artista circense che viene sparata da un cannone.
    ‟una lacrima sul visto” si può riferire al problema dell’immigrazione legale/illegale in Italia.
  • 4. Riferimento alle stragi di mafia dei primi anni ’90.
  • 5. Possibile riferimento all’assassinio di Boris Giuliano, capo della Squadra Mobile di Palermo, che nel 1979 fu ucciso mentre si trovava al bar.
  • 6. Riferimento agli scandali del sangue infetto e a quelli dell’assenteismo dei primari negli ospedali pubblici, impegnati nella professione privata.
  • 7. Riferimento a casi di malasanità in cui gli attrezzi per l’operazione chirurgica (pinze, garze, etc.) vengono dimenticati nel corpo del paziente.
  • 8. (dialetto romanesco) ‟Ci facciamo due spaghetti”.
    È un’espressione che rappresenta la mentalità italiana di dimenticare presto i problemi (e quindi non fare nulla per risolverli): se c’è un problema, basta mangiare tutti insieme, divertirsi, e ignorare quello che non va.
  • 9. pizzo = rata di denaro che imprenditori e commercianti devono pagare alla criminalità organizzata per evitare ritorsioni, estremamente comune nel sud Italia.
    Io non ci sto è una citazione di Oscar Luigi Scalfaro, presidente della repubblica nel 1992-1999, pronunciato durante un messaggio alla nazione nel 1993.
Von Alma BarrocaAlma Barroca am Do, 11/02/2016 - 23:27 eingetragen
Zuletzt von Stefano8Stefano8 am So, 29/10/2017 - 12:26 bearbeitet
Eigener Kommentar:

Versione studio:

Versione velocizzata:

Danke!

 

Werbung
Video
Idiome in „La terra dei cachi“
Kommentare