• Filippo Andreani

    L'annuncio • La storia sbagliata (2010)

Μερίδιο
Font Size
Πρωτότυπο

στίχοι L'annuncio

Col mal di schiena per il troppo amare
In una notte che tempestavan stelle
Cedendo al sonno, Neri fece un sogno:
Sognò di lui, di come vendere la pelle
 
Una voge grave gli parlava
Un'altra, a soffi lievi, gli cantava
Le canzoni che conosce solo il vento:
Neri, dormendo, stupito le ascoltava
 
La prima voce disse: "Sono il Lago
Lavo dal sangue le mani agli assassini
Ma non è un compito che accetto di buon grado
Perché le vittime sono i miei bambini
 
Gli stessi che al fare di ogni luglio
Nell'acqua mi venivano a baciare
Quegli stessi che sbiancheranno a Buglio
Col piombo al dorso, cercando di scappare
 
Perciò ho conferito col futuro
E siamo d'accordo nel prenderti per mano
Ti guideremo contro ad ogni muro
Che crollerà al passar del Capitano
 
Dei Mille l'effigie del condottiero
Sulla bandiera di lino intrecciata
E attorno farai ricamare in nero
Il nome di cinquantaduesima brigata"
 
La seconda voce disse allora:
"Sono la breva che sentivi alla partenza
Ti accompagnerò verso l'aurora
Soffierò sulla brace della tua coscienza
 
Nella sacrestia dove il profano
Ha fatto giuramento col divino
In quella impavida stretta di mano
È nato un giglio che chiamerai destino
 
Prima che il gallo ti riporti all'alba
Farai l'appello dei tuoi desideri:
Avrà ciascuno il nome di una banda
Che domattina incontrerai sui tuoi sentieri"
 
Le voci poi si persero nell'onda
Di un sogno che aveva sognato in rima
Nel sonno Neri provò a far la conta
Dicendo nomi che non conosceva prima
 

 

Filippo Andreani: Κορυφαία 3
Σχόλια