Peppinu Mereu - Su Testamentu (Italian translation)

Sardinian

Su Testamentu

Como chi so a lettu moribundu
morzo trancuillu, serenu e cuntentu,
però, prima chi lasse custu mundu,
cherz’iscrier su meu testamentu
e dimando chi siat rispettadu
su disizu de s’urtimu momentu.
 
Apenas mi bidides ispiradu
inserrademi puru in battor taulas:
deo non cherzo baule forradu.
E nessune pro me ispendat paraulas
in lodare, comente bi nd’ada,
chi fintzas in sa fossa naran faulas.
 
Sa sepoltura la cherzo iscavada
foras de su comunu campusantu:
meritat gai s’anima dannada.
Non permitto a s’ipocritu piantu
de benner a mi fagher cumpanzia
cando so sutta ’e su funebre mantu.
 
Però si b’at persona cara e pia,
semplicemente, sentza pompa vana,
retzitet una santa avemaria.
Muda s’istet sa funebre campana,
non permitto su cantu, ne su teu,
de sa niedda ipocrita suttana.
 
Deo non so marranu, creo in Deus
proite m’an imparadu a l’istimare
dae minore mama e babbu meu.
Però sos corbos los lasso bolare
bestidos de terrena fintzione,
manc’a mortu nde cherzo fentomare.
 
E tantu in custa misera persone
b’at pagu pulpa ’e faghere bicada,
tenidebolla s’assolutzione.
S’anima mia tant’est già purgada;
pro su tantu patire at meritadu
su chelu, si est beru chi bi nd’at.
 
Si pro casu unu paccu sigilladu
agatades, domando, pro favore,
non siat su sigillu profanadu.
Cuntenet un’istoria de dolore:
sun litteras d’un’isfortunada,
durche poema d’unu veru amore.
 
Duos ritrattos puru inie b’at:
unu est de s’amorosa mama mia,
fattu sa die chi l’an sepultada;
s’ateru est de s’anzone chi tenìa
in coro, cun amore tantu forte,
chi m’at leadu vida e pitzinnìa.
 
De cuss’amore nde tenzo sa morte,
a s’ora de sa vida sa prus bella.
Ah! Decretu fatale e dura sorte.
Tue, in battor muros de una cella,
ses pranghende e preghende in segretu,
pover’isconsolada verginella!
 
E deo moribundu so in lettu:
[…]adu
morzo sentza pecados in su pettus.
No apo mortu, no apo furadu,
morzo senza pecados birgonzosos,
perdono, non cherz’esser perdonadu.
 
Deo perdono cuddos ischiffosos
chi de su male meu an fattu isciala
cun sos libellos ignominiosos.
Perdono s’infamante limba mala,
cudda chi de velenu m’at bochidu
tantu pro m’ider cun sa rughe a pala.
 
Perdono cuddos chi s’an divididu
unu biculu ’e pane chi tenìa
a s’ora chi m’an bidu prus famidu.
In mesu a tantos ramos de olìa
deo cherz’esser su ’e sa cicuta,
pro imbolare un frastimu ebbia:
 
a chie m’at causadu custa rutta,
bivat chent’annos ma paralizadu,
dae male caducu e dae gutta!
Custu frastimu est pesadu e pensadu
prite ca morrer non depìa ancora,
comente morzo de coro airadu.
 
Serpentes viles, perfidas coloras
fatt’azis de prunitza avvelenada
una foresta in su regnu ’e Flora.
E cando m’azis bidu chentz’ispada
o viles, azis tentu s’atrivida
dandemi sa funesta pugnalada.
 
E como a sos istremos de sa vida,
pro ricumpensa de s’attu villanu
bos do sa tremenda dispedida.
Peppe Mereu bos tocat sa manu.
 
Submitted by Hampsicora on Tue, 04/11/2014 - 18:09
Last edited by Hampsicora on Fri, 07/11/2014 - 16:18
Align paragraphs
Italian translation

Il testamento

Adesso che sono a letto moribondo,
muoio tranquillo, sereno e contento
Però, prima che io lasci questo mondo,
voglio scrivere il mio testamento
e chiedo che sia rispettato
il desiderio dell'ultimo momento.
 
Appena mi vedrete esalare l'ultimo respiro,
rinchiudetemi pure in quattro assi di legno:
io non voglio una bara foderata.
E nessuno spenda per me parole
di lode, come ce ne sono,
che fino nelle fosse raccontano menzogne.
 
Voglio che la mia tomba sia scavata
fuori dal comune cimitero:
questo merita l'anima dannata.
Non permetto al pianto ipocrita
di venire a farmi compagnia
quando son sotto al drappo funebre.
 
Però se c'è una persona cara e pia,
semplicemente, senza pompa vana,
reciti una santa Ave Maria.
Taccia la campana funebre,
non permetto il canto, né il mormorio
dell'ipocrita nera sottana1
 
Io non sono traditore, credo in Dio
perché m'hanno insegnato ad amarlo
mamma e papà, da piccolo.
Però i corvi li lascio volare,2
vestiti di falsità terrena,
nemmeno da morto li voglio menzionare.
 
Tanto, in questa misera persona
c'è poca polpa da beccare,
tenetevela l'assunzione.
La mia anima tanto è già purificata;
per il tanto patire, ha meritato
il Cielo, se è vero che c'è.
 
Se per caso trovaste
un pacco sigillato, chiedo, per favore
che non venga violato tale sigillo.
Contiene una storia di dolore:
sono lettere di una sfortunata,
dolce poema di un vero amore.
 
Lì, vi sono pure due ritratti:
uno è della mia mamma amorosa,
fatto il giorno in cui l'hanno sepolta;
l'altro è dell'agnello3 che tenevo
in cuore e che, con amore tanto forte,
mi ha portato via la vita e la giovinezza.
 
Di quell'amore ne ho la morte,
nell'ora più bella della vita.
Ah! Decreto fatale e dura sorte.
Tu, in quattro mura di una cella,
stai piangendo e pregando in segreto
povera sconsolata fanciulla!
 
E io sono moribondo nel letto
[...]ato 4
muoio senza peccati nel petto,
Non ho ucciso, non ho rubato,
muoio senza peccati di cui aver vergogna,
perdono, non voglio essere perdonato.
 
Io perdono quegli schifosi
che hanno esultato del mio male
con libelli ignominiosi.
Perdono l’infamante malalingua,
quella che m'ha ucciso con veleno,
giusto per vedermi con la croce sulle spalle.
 
Perdono quelli che si sono spartiti
la briciola di pane che avevo
quando m'hanno visto più affamato.
In mezzo a tanti rami di oliva,
io voglio essere quello di cicuta,
per lanciare soltanto una maledizione:
 
A chi m'ha causato questa caduta,
che viva cento anni, ma paralizzato,
da epilessia o da infarto!
Questa maledizione è ponderata e pensata
perché non dovevo ancora morire
come muoio, col cuore pieno d'ira.
 
Vili serpenti, perfide serpi
avete trasformato in erba avvelenata,
una foresta nel regno di Flora.
E quando mi avete visto senza spada,
oh vigliacchi, avete avuto la sfacciataggine
di darmi la pugnalata fatale.
 
E adesso, agli estremi della vita,
per ricompensa dell'atto villano,
vi do il tremendo commiato.
Peppe Mereu vi stringe la mano.
 
  • 1. Il prete
  • 2. Mereu, da socialista, fu anticlericale, pertanto paragonava spesso la tunica nera dei sacerdoti a dei corvi.
  • 3. Nella poesia sarda, le proprie amate vengono spesso chiamate agnelli (anzone) o colombe (columba)
  • 4. Verso mancante
Submitted by Dub4Fun on Sun, 22/04/2018 - 08:42
Last edited by Dub4Fun on Mon, 23/04/2018 - 19:29
More translations of "Su Testamentu"
ItalianDub4Fun
Peppinu Mereu: Top 3
Idioms from "Su Testamentu"
See also
Comments
Hampsicora    Sun, 22/04/2018 - 19:12

Ti ringrazio, amico mio, per questa traduzione. E’ un tipica poesia di Peppino Mereu, forse l’unico vero “poeta maledetto” sardo. E’ una delle più famose, e una delle ultime che ha scritto, quando era già seriamente ammalato e prossimo alla morte, che lo colse ancora giovane.
E’ bello che possa essere letta anche in italiano.
Purtroppo ho diverse correzioni da proporti, mi sembra anzi che nella tua traduzione ti sia basato più sulla traduzione inglese che sul testo originale sardo, e da qui sono venuti alcuni fraintendimenti.
Spero non ti dispiaccia se ti do qualche consiglio:

Strofa 2. Verso 5
comente bi nd’ada (comente b’ind’at) > come ce ne sono
cioè: così come ci sono di quelle persone che persino nella tomba raccontano frottole

3.1 Sa sepoltura la cherzo iscavada:
In un italiano più fluente si potrebbe dire: Voglio che la mia tomba sia scavata
3.3 più semplicemente: questo merita l’anima dannata
3.4 ipocrito > ipocrita

4.5 Teu > mormorio, piagnucolio

5.3 mamma e papà (senza “da”)

6.3 tenidebòlla > tenètevela
6.6 chi bi nd’at > che c’è / che esiste

8.2 uno > uno
“amorosa” mi sembra che va bene anche in italiano
8.5 qui si può mantenere la sintassi originale: con amore tanto forte
8.6 leadu > preso, portato via (non esattamente rubato, che sarebbe “furadu”)

9.1 nde tenzo sa morte > ne ho la morte, cioè: mi ha provocato la morte, è la ragione della mia morte, da quell’amore è venuta la mia morte
9.2 nell’ora più bella della vita
9.5 pranghende e preghende > piangendo e pregando

11.1 quegli schifosi
11.2 an fattu isciala > hanno esultato, si sono rallegrati
11.3 libellos ignominiosos > libelli ignominiosi (molto semplice)
11.4 infamante limba mala > l’infamante malalingua, quella che….
11.5 a pala > sulle spalle

13.4 pesadu > ponderata, soppesata, ben meditata
13.5 prite ca morrer non depìa ancora > perché non dovevo ancora morire
13.6 comente morzo > come muoio

14.2 avete trasformato in erba avvelenata
14.3 regno di Flora (la dea latina )

15.3 Dispedida > commiato, addio
15.4 bos tocat sa manu > vi stringe la mano

Dub4Fun    Sun, 22/04/2018 - 20:23

Di niente, figurati, mi piace tradurre le canzoni/poesie in sardo; mi piace conoscere sempre di più questa lingua, ampliarne il vocabolario e mantenerla viva. Inoltre proprio oggi mi sono perso a leggere la biografia di Peppino, di cui mi sono affezionato. Da quanto emerge dal suo testamento, dev'essere che ha sofferto tanto in vita, serbando sempre di più odio verso coloro che hanno parlato male di lui e agito contro di lui (mi ha toccato la parte della briciola di pane; inoltre è davvero forte "su frastimu" che ha voluto lanciare contro i calunniatori).

Volevo porti una domanda, ma per caso sai qualcosa sul verso mancante? È un verso che l'autore non ha proprio scritto? E in tal caso, se ne conosce la motivazione? Oppure è arrivato a noi illeggibile e non si capisce?

Comunque, ti ringrazio infinitamente per le correzioni. Sebbene qualche parola la capisco, perché simile all'italiano o al campidanese, molte parole non le conoscevo (come quel "comente bi nd'ada" che solo ora ho capito che si dovrebbe tradurre in campidanese con "comenti nci ndi funti"); pertanto mi basavo sulla tua traduzione inglese e su una versione italiana trovata su internet, che però non si trattava di una traduzione letterale.

Purtroppo adesso non ho moltissimo tempo per correggere; appena riesco, lo farò. Grazie mille ancora!

Hampsicora    Sun, 22/04/2018 - 20:58

Di niente, amico mio.
Sono io che ti ringrazio per il tuo interesse per la lingua sarda e per la poesia di Mereu, e anche per aver affrontato questa traduzione difficile da un dialetto che non è il tuo (tra parentesi, anch’io sono campidanese, ma non mi pongo problemi con gli altri dialetti sardi, in genere il logudorese è più usato per la poesia). Comunque sono contento di averti aiutato.
Esattamente: comente bi inde at = comenti inci indi at / comenti inci indi funti (poi la pronuncia è più semplice, ovviamente)
Il verso mancante è arrivato illeggibile, probabilmente su un manoscritto sdrucito o strappato.