Advertisements

Orchestraccia - Nina alla finestra

Italian (Roman dialect)
Italian (Roman dialect)
A A

Nina alla finestra

Nina! Nina! Sò io! Sì, sto qua!
Eh, sò venuto co sti quattro amici pe fatte 'a serenata
E lo so, è 'na cosa antica, non la fa più nessuno, però...
Però io me lo sò sempre sognato
Che te venivo sotto la finestra, co un mazzo de rose
Te cantavo sta canzone
Poi tu, tu scennevi a pià le rose
E io, io te davo un bacio e te dicevo:
"Nina, me voi sposà? Eh?"
 
No, no, nun scenne, Nina, no
No, aspetta n'attimo, è che, è che te devo dì na cosa, sì
E che poi io nun so manco come dittela, però...
Insomma, Nina, sta serenata
È pe ditte che io nun te posso sposà!
No, no, no, ma che l'amore, no, Nina, no, no
No, ma non c'ho n'altra, no! Nina!
Aspetta un attimo, famme parlà, Nina!
Vedi, er fatto è che, è che stamatina
Quanno avevo finito de scaricamme
'Na quarantina de casse de zucchine romanesche
Er principale m'ha preso da 'na parte
E m'ha detto che il supermercato passa a 'na multinazionale cinese
No, a me me faceva ridé, mo' sto fatto che
Che i cinesi se mettevano a venne le zucchine romanesche
Poi però lui m'ha detto che da domani sto a casa
E non ho riso più
 
Sì, ho capito, l'amore, Nina
Tu dici l'amore, Nina, però quello della banca
Ha detto che senza stipendio fisso
Er mutuo nun ce lo danno
Per cui quer piano terra a Ciampino
Me sa che se lo scordamo
Peccato, Ciampino era pure comoda
C'è l'aereoporto...
Anche se noi, Nina, ma ndo cazzo dovemo annà?
 
Eh, ho capito, Nina, l'amore, l'amore
Tu dici sempre l'amore, però allora io te dico:
Che amore è
Se nun c'ho, se nun c'ho un divano pe tornà a casa stanco la sera?
Che amore è
Se io non c'ho un comodino mio per appoggià 'na foto?
Che amore è
Se io nun c'ho un piatto da rompe quanno litigamo?
Che amore è
Se io nun c'ho 5 euro pe compratte n' anello falso?
Qua tutti dicono c'hanno paura de arivà a fine mese
Io c'ho paura de cominciallo er mese!
Qua nun conta l'amore, Nina, qua conta er tasso
Er Taeg, er Taen, tutto mutuo, mezzo mutuo
Ma come, m'avevano detto che lo davano a tutti:
Disoccupati, protestati, drogati, bastonati, morìammazzati
Non è vero! Li soldi li danno solo a chi li soldi già ce l'ha!
 
Per cui, Nina...
Sta serenata è pe ditte che io nun ti posso sposà
Quantomeno nun te posso sposà tutta adesso
Te posso sposà un po' pe volta
Te posso sposà a rate
Sì, Nina, adesso richiudi la finestra
E rimettite dentro ar letto, fa' conto che ha' sognato
Io è meglio che vado perché...
Non c'ho i soldi manco pe pagà i musicisti
 
Thanks!
Submitted by LupriferLuprifer on Sun, 05/05/2019 - 06:57
Last edited by FaryFary on Sat, 19/06/2021 - 16:20

 

Orchestraccia: Top 3
Idioms from "Nina alla finestra"
Comments
Alberto ScottiAlberto Scotti    Sun, 13/06/2021 - 18:08

Nel testo ci sono molti errori. Questa è una versione riveduta e corretta da me:

Nina! Nina! Sò io! Sì, sto qua!
Eh, sò venuto co sti quattro amici pe fatte 'a serenata
E lo so, è 'na cosa antica, non la fa più nessuno, però...
Però io me lo sò sempre sognato
Che te venivo sotto la finestra, co un mazzo de rose
Te cantavo sta canzone
Poi tu, tu scennevi a pià le rose
E io, io te davo un bacio e te dicevo:
"Nina, me voi sposà? Eh?"

No, no, nun scenne, Nina, no
No, aspetta n'attimo, è che, è che te devo dì na cosa, sì
E che poi io nun so manco come dittela, però...
Insomma, Nina, sta serenata
È pe ditte che io nun te posso sposà!
No, no, no, ma che l'amore, no, Nina, no, no
No, ma non c'ho n'altra, no! Nina!
Aspetta un attimo, famme parlà, Nina!
Vedi, er fatto è che, è che stamatina
Quanno avevo finito de scaricamme
'Na quarantina de casse de zucchine romanesche
Er principale m'ha preso da 'na parte
E m'ha detto che il supermercato passa a 'na multinazionale cinese
No, a me me faceva ridé, mo' sto fatto che
Che i cinesi se mettevano a venne le zucchine romanesche
Poi però lui m'ha detto che da domani sto a casa
E non ho riso più

Sì, ho capito, l'amore, Nina
Tu dici l'amore, Nina, però quello della banca
Ha detto che senza stipendio fisso
Er mutuo nun ce lo danno
Per cui quer piano terra a Ciampino
Me sa che se lo scordamo
Peccato, Ciampino era pure comoda
C'è l'aereoporto...
Anche se noi, Nina, ma ndo cazzo dovemo annà?

Eh, ho capito, Nina, l'amore, l'amore
Tu dici sempre l'amore, però allora io te dico:
Che amore è
Se nun c'ho, se nun c'ho un divano pe tornà a casa stanco la sera?
Che amore è
Se io non c'ho un comodino mio per appoggià 'na foto?
Che amore è
Se io nun c'ho un piatto da rompe quanno litigamo?
Che amore è
Se io nun c'ho 5 euro pe compratte n' anello falso?
Qua tutti dicono c'hanno paura de arivà a fine mese
Io c'ho paura de cominciallo er mese!
Qua nun conta l'amore, Nina, qua conta er tasso
Er Taeg, er Taen, tutto mutuo, mezzo mutuo
Ma come, m'avevano detto che lo davano a tutti:
Disoccupati, protestati, drogati, bastonati, morìammazzati
Non è vero! Li soldi li danno solo a chi li soldi già ce l'ha!

Per cui, Nina...
Sta serenata è pe ditte che io nun ti posso sposà
Quantomeno nun te posso sposà tutta adesso
Te posso sposà un po' pe volta
Te posso sposà a rate
Sì, Nina, adesso richiudi la finestra
E rimettite dentro ar letto, fa' conto che ha' sognato
Io è meglio che vado perché...
Non c'ho i soldi manco pe pagà i musicisti

FaryFary    Sat, 19/06/2021 - 16:20

Lyrics edited.

Read about music throughout history