Advertisements

Vi eu estar noutro dia (Italian translation)

Galician-Portuguese
Galician-Portuguese
A A

Vi eu estar noutro dia

Vi eu estar noutro dia
infanções com um ric'home
posfaçando de quem mal come;
e dix'eu, que os ouvia:
"Cada casa, favas lavam!"
 
Posfaçavam d'um escasso,
[e] foi-os eu ascuitando; [
eles forom posfaçando,
e dixi-m'eu, pass'em passo: :
"Cada casa, favas lavam!"
 
Posfaçavam d'encolheito
e de vil e d'espantoso
e em sa terra lixoso;
e dix'eu entom dereito:
"Cada casa, favas lavam!".
 
Submitted by Pietro LignolaPietro Lignola on Tue, 21/09/2021 - 15:14
Submitter's comments:

Cantiga de Escárnio e Maldizer.
Nova cantiga baseada num antigo provérbio. Trata-se agora de um grupo de infanções que Guilhade terá surpreendido criticando a sovinice alimentar de um rico-homem. O provérbio com que Guilhade comenta a atitude dos infanções talvez se possa traduzir pelo atual "Quem tem telhados de vidro não atira pedras ao do vizinho". Especificamente, a letra do provérbio medieval parece partir do facto de as favas serem consideradas, à época, um alimento menor (próprio de gente pobre ou mesmo dos animais)1. O seu sentido específico seria, pois: tão mal se come numas como noutras.

Italian translationItalian (metered, rhyming)
Align paragraphs

Io ho veduto un nobiluomo l’altrieri.

Io ho veduto un nobiluomo l’altrieri
canzonato da alcuni cavalieri
perché egli cose misere mangiava.
Io avevo sentito e dissi ai ciarlieri:
"In ogni casa, si lavan le fave!"
 
Io stavo ad ascoltar quello sbeffeggio
al tirchio ricco, sempre più feroce,
e, dappoiché non finiva il dileggio,
mormorai in mezzo ai denti, sottovoce,
"In ogni casa, si lavan le fave!"
 
Criticavan quell’uomo scarno e vile,
nella sua terra abbandonata e ostile.
Io provai pena per quell’uomo irriso
e dissi allora con tono deciso:
"In ogni casa, si lavan le fave!".
 
Thanks!
thanked 5 times

Potete utilizzare tutte le mie traduzioni purché citiate la fonte.

Submitted by Pietro LignolaPietro Lignola on Tue, 21/09/2021 - 15:17
Author's comments:

Nuova (si fa per dire, poiché siamo nel medioevo) canzoncina basata su un vecchio proverbio. Ora è un gruppo che Guillaude avrà sorpreso criticando l'avarizia del cibo di un uomo ricco. Il proverbio con cui Guilhade commenta l'atteggiamento del gruppo si può forse tradurre con quello attuale "Chi ha i tetti di vetro non tira sassi ai vicini". Nello specifico, il testo del proverbio medievale sembra derivare dal fatto che le fave erano considerate, all'epoca, un alimento minore (proprio dei poveri o addirittura degli animali. Il suo significato specifico sarebbe quindi: mangiare in alcuni è tanto cattivo quanto in altri.

5
Your rating: None Average: 5 (2 votes)
Translations of "Vi eu estar noutro ..."
João Garcia de Guilhade: Top 3
Comments
Pietro LignolaPietro Lignola    Tue, 21/09/2021 - 15:33

Grazie per tutto, anche per le stelline. Senza il tuo aiuto, nonne avrei cacciato le mani!

Arthur Conan NewmanArthur Conan Newman    Wed, 22/09/2021 - 10:45

Prego non c'è di che.
Come ha detto Manuela:
Traduzione e adattamento poetico eccellente!

Read about music throughout history