Gerusalemme (Italian translation)

Advertisements
Sardinian

Gerusalemme

Zerusaleme.
Campanas mudas sonan in distesa,
e a boghe arta
àteras sonadas s’intenden
in s’artura ispianada
de sa tzitade cara a donzi fide.
 
In muros de antigòria galu in pe’
bi tìrrian deos chi a dèlega umana
an apaltadu mistèriu e fide;
e una sola beridade:
a si partire sas rejones
chi insàmbenan sa terra.
 
Paren torren a contu sas gherras
chi cundidas de interessos guvardos
pesan muraglias e segan donzi ponte
cun atraghentos de brùvura e de fogu.
 
Tropas sas dies truncadas
e trop’a mesu sas peràulas in bula sun restadas
cun ogros chena aficu e chena frittu.
E tropas làgrimas de preda sun faladas
in su logu ‘e sa paghe e de s’olia.
 
Oh Deus, Deus de ‘onzi zente e soberanu,
dia cherrer solu paghe,
e paghe nessi pro custos versos mios
chi braman paghe semper e paghe torra
e paghe pro sa notte iscurigosa
chi chircat s’aparpu ‘e su manzanu.
 
Dromi pitzinnu, dromi.
Atesu atesu b’at milli bàntzigos
e una sola ninnia
chi ti cantat sa mama de ‘onzi terra
ch’at in su coro sos sonos rentesos
pro ti torrare cuncordu de isperas.
Dromi pitzinnu, dromi.
 
Submitted by Hampsicora on Sat, 18/02/2017 - 01:14
Align paragraphs
Italian translation

Gerusalemme

Gerusalemme.
Campane mute suonano a distesa,
e ad alta voce
s’odono altri suoni
sull’altura spianata
della città cara ad ogni fede.
 
Sui muri antichi ancora in piedi
strepitano gli dei che alla delega umana
hanno affidato mistero e fede;
e una sola verità:
dividersi le ragioni
che insanguinano la terra.
 
Sembra che facciano comodo le guerre
che, intrise di interessi vergognosi,
innalzano muraglie e tagliano ogni ponte
con fragore di esplosivo e di fuoco.
 
Troppi i giorni spezzati
e troppo a mezza gola le parole son rimaste
con occhi senza fiducia e senza freddo.
E troppe lacrime di pietra son cadute
sul luogo della pace e dell’ulivo.
 
Oh Dio, Dio di ogni gente e sovrano,
io vorrei solo pace,
e pace almeno per questi miei versi
che bramano sempre pace e ancora pace
e pace per la notte oscura
che cerca la carezza del mattino.
 
Dormi figliolo, dormi.
Lontano lontano ci sono mille culle
e una sola ninna nanna
che ti canta la madre di ogni terra
che ha nel cuore i suoni trattenuti
che ti riportino l’armonia della speranza.
Dormi figliolo, dormi.
 
Submitted by Hampsicora on Sat, 18/02/2017 - 01:18
Collections with "Gerusalemme"
See also
Comments