Marie de France - Lai du Chievrefoil (Italian translation)

French (Old French)

Lai du Chievrefoil

. c. Asez me plest e bien le voil
Del lai que hum nume Chievrefoil
Que la verité vus en cunt
E pur quei il fu fet e dunt.
 
. nc. Plusurs le me unt cunté e dit
E jeo l'ai trové en escrit
De Tristram e de la reïne,
De lur amur que tant fu fine,
Dunt il eurent meinte dolur,
Puis en mururent en un jur.
. c. Li reis Marks esteit curucié,
Vers Tristram sun nevuz irié;
De sa tere le cungea
Pur la reïne qu'il ama.
En sa cuntree en est alez;
En Suhtwales, u il fu nez,
Un an demurat tut entier,
Ne t ariere repeirier;
. nc. Mes puis se mist en abandun
De mort e de destructïun.
Ne vus esmerveilliez neent:
Kar ki eime mut lëalment,
Mut est dolenz e trespensez,
Quant il nen ad ses volentez.
. c. Tristram est dolent e pensis:
Pur ceo se met de sun païs.
En Cornvaille vait tut dreit,
La u la reïne maneit.
En la forest tut sul se mist,
Ne voleit pas que hum le veïst;
. nc. En la vespree s'en eisseit,
Quant tens de herberger esteit;
. c. Od païsanz, od povre gent
Perneit la nuit herbergement.
. nc. Les noveles lur enquereit
Del rei cum il se cunteneit.
. c. Ceo li dïent qu'il unt oï
Que li barun erent bani,
A Tintagel deivent venir,
Li reis i veolt sa curt tenir,
. nc. A pentecuste i serunt tuit;
Mut i avra joie e deduit,
E la reïnë i sera.
Tristram l'oï, mut se haita:
Ele ne purrat mie aler
K'il ne la veie trespasser.
. c. Le jur que li rei fu meüz,
E Tristram est al bois venuz
Sur le chemin quë il saveit
Que la rute passer deveit,
Une codre trencha par mi,
Tute quarreie la fendi.
Quant il ad paré le bastun,
De sun cutel escrit sun nun.
Se la reïne s'aparceit,
Que mut grant gardë en perneit-
. nc. Autre feiz li fu avenu
Que si l'aveit aparceü-
. c. De sun ami bien conustra
Le bastun quant el le verra.
Ceo fu la summe de l'escrit
Qu'il li aveit mandé e dit:
. nc. Que lunges ot ilec esté
E atendu e surjurné
Pur espïer e pur saver
Coment il la peüst veer,
Kar ne pot nent vivre sanz li;
D'euls deus fu il (tut) autresi
. c. Cume del chievrefoil esteit
Ki a la codre se perneit:
Quant il s'i est laciez e pris
E tut entur le fust s'est mis,
. nc. Ensemble poënt bien durer;
Mes ki puis les volt desevrer,
Li codres muert hastivement
E li chievrefoil ensement.
. c. «bele amie, si est de nus:
Ne vus sanz mei, ne mei sanz vus!»
La reïne vait chevachant;
Ele esgardat tut un pendant,
Le bastun vit, bien l'aparceut,
Tutes les lettres i conut.
. nc. Les chevalers que la menoënt,
Quë ensemblë od li erroënt,
Cumanda tuz (a) arester:
Descendre vot e resposer.
Cil unt fait sun commandement.
Ele s'en vet luinz de sa gent;
Sa meschine apelat a sei,
Brenguein, que fu de bone fei.
. c. Del chemin un poi s'esluina;
Dedenz le bois celui trova
Que plus l'amot que rein vivant.
Entre eus meinent joie (mut) grant.
. nc. A li parlat tut a leisir,
E ele li dit sun pleisir;
Puis li mustre cumfaitement
Del rei avrat acordement,
E que mut li aveit pesé
De ceo qu'il (l)'ot si cungïé;
Par encusement l'aveit fait.
Atant s'en part, sun ami lait;
. c. Mes quant ceo vient al desevrer,
Dunc comenc(er)ent a plurer.
Tristram a Wales s'en rala,
Tant que sis uncles le manda.
 
Pur la joie qu'il ot eüe
De s'amie qu'il ot veüe
. nc. E pur ceo k'il aveit escrit,
Si cum la reïne l'ot dit,
Pur les paroles remembrer,
. c. Tristram, ki bien saveit harper,
En aveit fet un nuvel lai;
. nc. Asez briefment le numerai:
. c. Gotelef l'apelent en engleis,
Chievrefoil le nument Franceis.
Dit vus en ai la verité
Del lai que j'ai ici cunté.
 
Submitted by Guernes on Sat, 24/02/2018 - 14:32
Submitter's comments:

. nc. non chanté
. c. chanté

Align paragraphs
Italian translation

Lai del caprifoglio

Mi fa piacere e perciò voglio
del lai chiamato Caprifoglio
raccontarvi il vero, perché
fu composto, come e di che.
 
Molti me l’hanno raccontato
a voce, e scritto l’ho trovato,
di Tristano e della regina,
e del loro amore sublime,
per cui tante pene soffrirono,
poi lo stesso giorno morirono.
Il re Marco era corrucciato
con Tristano, il nipote, e irato;
via dal suo regno lo mandò
per la regina che lui amò.
Nel suo paese se n’è andato,
nel Sud Galles, lì dov’è nato.
Tutto un anno ci restò, che
tornare indietro non poté,
ma al rischio poi s’espose tutto
della morte, d’esser distrutto.
Non dovete averne stupore,
che chi ama di vero amore
è in gran pena e molto si duole
se non può avere ciò che vuole.
Tristano è dolente e accorato,
e il suo paese ora ha lasciato.
In Cornovaglia se ne va,
là dove la regina sta.
S’inoltrò solo dentro il bosco,
che nessuno lo riconosca,
e se ne uscì solo quand’era
tempo di trovar casa a sera.
Con contadini e poveretti
si trovò per la notte un tetto,
e notizie loro chiedeva
del re, di che cosa faceva.
Gli dicono ad un certo punto
che il bando ai baroni era giunto:
a Tintagel devono andare,
lì il re la corte vuole fare;
a Pentecoste ci saranno
tutti, e molto festeggeranno,
e la regina sarà lì.
Tristano udì, molto gioì:
non ci potrà lei mica andare
che lui non la veda passare.
Il re partì; lo stesso giorno
Tristano al bosco fa ritorno.
Sulla strada dove sapeva
che il corteo da passare aveva,
taglia un nocciòlo per metà,
e tutto squadrato lo fa,
e quando è pronto il ramoscello
ci scrive il nome col coltello.
Se la regina se ne accorge,
che sempre attenzione ci porge
(altre volte in questa maniera
s’era accorta di lui che c’era),
appena il bastone vedrà,
che è del suo amico capirà.
E questo c’era nello scritto
che fu sul bastone che ho detto:
che a lungo era stato in attesa
lì e dimora ci aveva presa
per guardarsi intorno e sapere
come la potesse vedere:
non può vivere senza lei.
Era così, di lui e lei,
come del caprifoglio, se
al nocciòlo attaccato s’è:
quando ci s’è preso e allacciato,
e intorno al fusto attorcigliato,
insieme possono durare,
ma se li si vuol separare,
muore in fretta, se resta solo,
il caprifoglio, e anche il nocciòlo.
Cara amica, così è di noi:
né mai voi senza di me, né mai io senza di voi.
La regina a cavallo passa.
Guardò dovunque a lato in basso,
scorse e vide bene il bastone,
e capì tutta l’iscrizione,
ed ai cavalieri che andavano
con lei insieme e la scortavano
comandò a tutti d’arrestarsi:
vuole smontare e riposarsi.
Come comanda loro han fatto.
Lei s’allontana dai suoi un tratto,
e la sua ancella a sé ha chiamata,
Brenguein, ch’era molto fidata.
Dalla via un po’ s’allontanò,
e nel bosco colui trovò
che amava più d’ogni vivente:
che gioia, reciprocamente!
Lui le parlò come voleva,
lei disse ciò che le piaceva,
poi gli spiegò come potere
dal re pace di nuovo avere,
e che molto le era pesato
che l’avesse così esiliato
per colpa dei calunniatori.
E poi va via, lascia il suo amore,
Ma quando è il tempo del commiato
a piangere hanno incominciato.
Tristano in Galles ritornò,
finché lo zio lo richiamò.
 
Per la gioia che aveva avuta
dell’amica ch’ebbe veduta,
grazie al bastone su cui scrisse,
come la regina lo disse,
per le parole ricordare,
Tristano, arpista senza pari,
fece di questo un nuovo lai;
dirò in breve il nome qual è:
Gotelef dicono gli inglesi,
Chievrefoil invece i francesi.
La verità vi ho dichiarato
del lai che qui vi ho raccontato.
 
Tous droits réservés © Christian Guernes (pour les traductions en français, sauf indication contraire ; lien vers le source, etc.)
Submitted by Guernes on Sat, 24/02/2018 - 15:49
Author's comments:

Traduzione di Pietro G. Beltrami

More translations of "Lai du Chievrefoil"
ItalianGuernes
Idioms from "Lai du Chievrefoil"
See also
Comments