Advertisements

Please help to translate "'Â pittima"

Ligurian
A A

'Â pittima

Cosa ghe possu ghe possu fâ
se nu gh'ò ë brasse pe fâ u mainä
se infundo a e brasse nu gh'ò ë män du massacán
e mi gh'ò 'n pûgnu dûu ch'u pâ 'n niu
gh'ò 'na cascetta larga 'n diu
giûstu pe ascúndime c'u vestiu deré a 'n fiu
e vaddu in giù a çerca i dinë
a chi se i tegne e ghe l'àn prestë
e ghe i dumandu timidamente ma in mezu ä gente
e a chi nu veu däse raxún
che pâ de stránûä cuntru u trun
ghe mandu a dî che vive l'è cäu ma a bu-n mercöu
 
mi sun 'na pittima rispettä
e nu anâ 'ngíu a cuntâ
che quandu a vittima l'è 'n strassé ghe dö du mæ.
 
Submitter's comments:

Nelle repubbliche marinare di Genova e Venezia, la pittima era una persona assoldata da un creditore per convincere il debitore a restituire i soldi.
La pittima seguiva il debitore ovunque, dandogli continuamente noia, ricordandogli pubblicamente il suo debito. Alla fine il debitore, per la vergogna e l’esaurimento, ripagava il debito.
La pittima riceveva una quota del debito come ricompensa; solitamente erano persone povere, obbligate dall’autorità a prestare il servizio di pittima.
Indossavano vesti scarlatte per essere immediatamente riconoscibili.
Oggigiorno, "sei una pittima!" è usato per apostrofare una persona particolarmente fastidiosa e appiccicosa.

Please help to translate "'Â pittima"
Comments