Advertisement

In fin dei conti

Kűldve: Icey Szerda, 27/12/2017 - 11:51

Idiomatic translations of "In fin dei conti"

at the end of the day
Explanations:
En fin de compte
Explanations:
Tous comptes faits
Explanations:
am Ende des Tages
Explanations:
A conti fatti
Explanations:
Afinal de contas
Explanations:
a fin de cuentas
Explanations:
Angol #1, #2, Spanyol

Meanings of "In fin dei conti"

Olasz

Tutto considerato, vagliate tutte le possibilità.

Explained by Icey on Szerda, 27/12/2017 - 11:51
Explained by Icey

"In fin dei conti" in lyrics

Ligabue - Piccola stella senza cielo

In mezzo a tutta
Questa gente
Sei tu che vuoi
O in fin dei conti non ti frega niente
Tanti ti cercano
Spiazzati da una luce senza futuro.

Günter Grass - Quello che deve essere detto

e più ancora, per tutti gli uomini che vivono
ostilmente fianco a fianco in quella
regione occupata dalla follia ci sarà una via d’uscita,
e in fin dei conti anche per noi.

Cumbia Ninja - Che il vento mi porti via

presto o tardi cambierà, se la sorte è stata dettata, girati a guardare come passa la vita, come una telenovela come un film,
anticipa il destino e lasciati portare, lasciati portare, lasciati portare

che bruci le mie parole, che le dia un tono alla mia voce, che mi marchino le mie azioni che fartelo a te, se tutto è scritto se andiamo in branco perchè svegliarmi all'alba se in fin dei conti il fiume straripa nel mare, che senso ha questa speranza che senso ha se per me non succede niente, se per me non succede niente a che serve lottare.

Che il vento mi porti via ho rotto il timone dell'ancora che cos'hai mio conciato cuore, vado fiduciosa la mia barca non ha bisogno di un capitano io so che il vento mi porterà oggi butto le mappe dal parapetto, bussola ingannevole e imbrogliona

M83 - Ho bisogno di te

Ho bisogno di te

In fin dei conti c'è un motivo
Tutte le cose che ho fatto
E quelle che abbiamo lasciato da fare

Francesco De Gregori - Festival

Chi ha ucciso quel giovane angelo che girava senza spada?

E l'uomo della televisione disse:
"Nessuna lacrima vada sprecata, in fin dei conti cosa
c'è di più bello della vita, la primavera è quasi cominciata".
Qualcuno ricordò che aveva dei debiti,

Charles Aznavour - La critica

La critica, la critica, che ti porta alle stelle
o in tre parole ti ammazza, la critica… La critica
ci dà la sua opinione, unica ma non sempre inattaccabile.
In fin dei conti, solo il pubblico ha ragione.

Don Backy - Voglio dormir

~ ~ ~

In fin dei conti
Noi siamo già usciti
Perciò ti prego

The Black Keys - L'Unica

Sei l'unica
Sono cosi avvolto dallo stupore
Sperando che sia solo una fase
Ma in fin dei conti
So che sei ancora l'unica
Sei l'unica

Nightwish - Amaranto

Guerra tra lui e l’oggi
Bisognoso di qualcuno da incolpare
In fin dei conti, può far poco da solo

Credi solo a ciò che vedi

Radical Face - Tutto ha un costo

quel sentiero non è mai stato costruito per noi
e io non ho intenzione di chinare il capo per loro, per loro
e io non lascerò che essi dipingano la verità come peccato
e io non ti dirò che va bene quando in fin dei conti
eravamo solo qualcosa nella mia mente

François Villon - La ballata delle cose da niente

So che cos’è il potere di Roma,
So tutto, ma non so chi sono io.

Principe, so tutto in fin dei conti,
So vedere chi sta bene e chi sta male,
So che la Morte porta tutto a compimento,

Luciano Ravasio - Duemila

e un augurio bisogna farlo:
di farsi tutti buon sangue,
che nessuno viva male.
Dopo, in fin dei conti,
sono ancora croci e passioni,[fn]passione = tribolazione.[/fn]
guai, però, non fare il pieno

Beyoncé - La ragazza con il cuore spezzato

Perchè ho avuto paura che tu potessi andare
Oh, ma adesso non ti odio
Sono felice di dire
Che sarò li in fin dei conti

Non voglio stare senza di te amore

Lifelover - Squallido

Non importa cosa, finisco con questa sensazione d'intorpidimento mentale
Lo squallido sorriso se n'è andato ma c'è questa gioia ingiustificata
Ma in fin dei conti non importa davvero, finisco semplicemente a tremare con questa eco dentro:

Fa freddo qui, o sono io?

The Velvet Underground - Il regalo

"Dovrei prendere queste pillole salate, ma", arricciando il naso, "mi fanno venire la nausea".
Marsha iniziò a schiaffeggiarsi il mento, un esercizio visto in televisione. "Gesù, non parlarmene nemmeno". Si alzò dal tavolo andando al lavandino dove prese una bottiglia di vitamine blu e rosa. "Ne vuoi una? Dicono siano meglio della carne". E cercando di toccarsi il ginocchio: "Non penso che rimetterò mai più mano su un Daiquiri". Smise e si sedette, questa volta più vicina al tavolino con sopra il telefono. "Forse chiamerà Bill", disse guardando Sheila.
Sheila rosicchiò una pellicola. "Dopo l'altra sera, pensavo che forse avresti chiuso con lui".
"So cosa vuoi dire. Dio mio, era come un polipo. Mani ovunque". Gesticolò, alzando le mani avanti in segno di difesa. "La cosa è che, dopo un po', ti stanchi di lottare contro di lui, capisci, e in fin dei conti non ha mai fatto niente né venerdì né sabato, quindi è come se fossi in debito con lui, sai cosa intendo". Iniziò a grattarsi. Sheila ridacchiava con una mano davanti la bocca. "Ti dirò, mi sento allo stesso modo, e dopo un po'", sospirò piegandosi in avanti, "lo volevo", ed eccola scoppiare in una risata rumorosa.

Fu a questo punto che Mr. Jameson del Clarence Darrow Post Office suonò alla porta della grande casa con la cornice colorata di stucco. Quando Marsha Bronson aprì la porta, la aiutò a portare dentro il pacco. Si fece firmare le sue ricevute gialle e verdi e se ne andò con una mancia di 15 cents che Marsha aveva tirato fuori dal piccolo portafoglio beige di sua madre dal nascondiglio. "Cosa pensi che sia?", chiese Sheila. Marsha stette con la mani dietro la schiena. Fissò il cartone marrone che era stato posato nel mezzo della sala. "Non ne ho idea".