Petőfi Sándor - Nemzeti Dal (Olasz translation)

Olasz translation

Canto nazionale

Alzati, Magiaro, la patria ti chiama!
Ecco il momento, mai oppure ora!
Saremo schiavi oppure liberi?
Questa è la domanda, decidetevi!
Fino ad ora schiavi siamo stati
I nostri antenati furono dannati
Coloro che liberi vissero e morirono
Nel suolo degli schiavi riposar non possono.
 
Al Dio dei Magiari
Giuriamo,
Giuriamo che schiavi
Mai più diventiamo!
Al Dio dei Magiari
Giuriamo,
Giuriamo che schiavi
Mai più diventiamo!
 
È poco di nulla, è un briccone,
Colui ch'ora teme il dover morire
Che tiene più cara la meschina vita
Che l'onore della sua patria.
Della catena la spada è più splendente,
Meglio onora il braccio è evidente.
Eppure noi abbiamo portato la catena!
Eccoci, nostra vecchia sciabola!
 
Al Dio dei Magiari
Giuriamo,
Giuriamo che schiavi
Mai più diventiamo!
Al Dio dei Magiari
Giuriamo,
Giuriamo che schiavi
Mai più diventiamo!
 
Il nome magiaro brillerà di nuovo,
Della sua vecchia fama sarà degno:
Dai secoli l'infamia sagomata
Sarà questa volta cancellata!
Dove le nostre tombe si alzano,
I nostri nipoti sopra si chinano.
E con le preghiere osannando
i nostri santi nomi enunciano.
 
Al Dio dei Magiari
Giuriamo,
Giuriamo che schiavi
Mai più diventiamo!
Al Dio dei Magiari
Giuriamo,
Giuriamo che schiavi
Mai più diventiamo!
 
Kűldve: rajgy Szombat, 16/02/2013 - 12:04
Szerző észrevételei:

Translation: Melinda B. Tamás-Tarr

Magyar

Nemzeti Dal

Hozzászólások