Russia is waging a disgraceful war on Ukraine. Stand With Ukraine!

Testo delle canzoni: Che strano

  • Artista: Francesco La Notte
  • Album: Due vele (1983)
Italiano
Italiano
A A

Che strano

Dovrei dirti in un secondo tutti i fatti miei
Solamente perché hai detto: “Ciao, come stai?”
Rovesciarli in un momento
Sopra il tavolo di un bar
Non son capace, mi dispiace
 
La tua mano vola in giro, un po’ di qua e di là
Io la guardo e quel che dici ma chi lo sa
Dovrei starti ad ascoltare
Mentre tu parli dei tuoi
Non son capace, mi dispiace
 
Che strano
Sembri bella come mai
Eri lontano
Arrivi piano e non lo sai
Ora un soffio ti accompagna dritto proprio qua
Tu parli soltanto
E intanto se ne va
 
Taci un momento
E ascoltalo, se puoi
Fa’ piano
Sta parlando proprio a noi
Posso prenderti la mano
Vengo lì vicino a te
Che strano
Non mi chiedere perché
 
Sulla nuvola con noi c’è un cameriere in più
Tocca piano la mia spalla e mi tira giù
Dovrei dir cosa? Beviamo?
Per favore, fallo tu
Non son capace, mi dispiace
 
Dovrei dirti se ti va di camminare un po’
Vorrei dirti: “Stiamo insieme più che si può”
Forse dovrei dirti solo buonanotte o non lo so
Insomma, andiamo, ce ne andiamo
 
Che strano
Sembri bella come mai
Eri lontano
Arrivi piano e non lo sai
Ora un soffio ti accompagna dritto proprio qua
Tu parli soltanto
E intanto se ne va
 
Taci un momento
E ascoltalo, se puoi
Fa’ piano
Sta parlando proprio a noi
Posso prenderti la mano
Vengo lì vicino a te
Che strano
Non mi chiedere perché
 
Grazie!
Postato da Alberto ScottiAlberto Scotti Mar, 28/06/2022 - 11:28

 

Francesco La Notte: 3 più popolari
Modi di dire da “Che strano”
Commenti fatti
Read about music throughout history