Pubblicità

Lanqan li jorn son long en mai (traduzione in Italiano)

  • Artista: Jaufre Rudel
  • Artista partecipante (featuring): Ensemble Tre Fontane
  • Interpretato anche da: Lafitte, Maria + efrenlopez + Alan Fish and others + etc
  • Canzone: Lanqan li jorn son long en mai
  • Traduzioni: Italiano
Occitano
A A

Lanqan li jorn son long en mai

1, Lanquan li jorn son lonc en may
M'es belhs dous chans d'auzelhs de lonh,
E quan mi suy partitz de lay,
Remembra'm d'un' amor de lonh.
Vau de talan embroncx e clis
Si que chans ni flors d'albespis
No-m valon plus que l'yverns gelatz.
 
2. Jamai d'amor no'm jauziray
Si no'm jau d'est' amor de lonh,
que mielher ni gensor no'n sai
ves nulha part, ni pres ni lonh.
Tant es sos pretz ricx e sobris
Que lai el reng dels Sarrasis
fos hieu per lieys chaitius clamatz.
 
3. Iratz e dolens m'en partray,
S'ieu no vey sest' amor de lonh.
No'm sai quora mais la veyrai,
que tan son nostras terras lonh.
Assatz hi a pas e camis,
e per aisso no'n suy devis.
Mas tot sia cum a lieys platz.
 
4. Be'm parra joys quan li querray,
Per amor Dieu, l'ostal de lonh,
E, s'a lieys platz, alberguarai
Pres de lieys, si be'm suy de lonh,
Qu'aissi es lo parlamens fis
Quan drutz lonhdas et tan vezis
Qu'ab cortes ginh jauzis solatz.
 
5. Be tenc lo Senhor per veray
Per que formet sest' amor de lonh,
Mas per un ben que m'en eschay
N'ai dos mals, quar tant suy de lonh.
A! quar no fuy lai pelegris,
Si que mos fustz e mos tapis
Fos pels sieus belhs huelhs remiratz!
 
6. Dieus que fetz tot quant ve ni vay
E formet sest'amor de lonh
Mi don poder, que cor be n'ai,
Qu'ieu veya sest'amor de lonh,
Verayamen en luec aizis,
Si que las cambras e'l jardis
Mi resemblo novels palatz.
 
7. Ver ditz qui m'apella lechay
e deziros d'amor de lonh,
que nulhs autres joys tan no'm play
Cum jauzimen d'amor de lonh.
Mas so qu'ieu vuelh m'es tant ahis,
Qu'enaissi'm fadet mos pairis
Qu'ieu ames e nos fos amatz.
Mas so qu’ieu vuelh m’es atahis
Qu’enaissi.m fadet mos pairis
Qu’ieu ames e no fos amatz.
 
Postato da Pietro LignolaPietro Lignola Ven, 08/12/2017 - 20:28
Ultima modifica Pietro LignolaPietro Lignola Gio, 11/04/2019 - 15:56
Commenti dell’autore:

Mi son permesso di ripristinare l'ordine corretto delle strofe e di aggiungere la terzina finale, che ripete gli ultimi tre versi della settima strofa.

traduzione in ItalianoItaliano (equirhythmic)
Allinea i paragrafi

Allor ch'allunga i giorni maggio.

1. Allor ch’allunga i giorni maggio,
d’uccelli m’è dolce lontano
il canto e poi, messomi in viaggio,
rimembro un amore lontano.
Desio mi spinge cupo e chino,
né canto o fior di biancospino
mi dan più che inverno gelato.
 
2. Mai più godrò d’amore ingaggio
se non di quest’amor lontano:
donna non v’è di tal lignaggio
né qua né là, neppur lontano;
ha pregio tanto sopraffino
ch’io là, nel regno sarracino,
per lei starei imprigionato.
 
3. Lieto e triste pellegrinaggio
farò a cercar l’amor lontano,
ma non so se n’avrò vantaggio:
ch’ella dimora assai lontano.
Ci son valichi e gran cammino
e non conosco il mio destino.
Sia come Dio l’ha decretato.
 
4. Le chiederò, con un messaggio
lieto, mio Dio, l’amor lontano
e, se vorrà darmi albergaggio
presso lei, sebben di lontano,
nell’incontro davver divino
sarò da lei, amor vicino,
con dolci detti consolato.
 
5. Io so vero il divin linguaggio:
perciò vedrò l’amor lontano,
ma per un ben solo ch’assaggio
due mali avrò, tanto è lontano.
Laggiù foss’io da pellegrino,
saio e bordone, a lei vicino,
dagli occhi belli suoi mirato!
 
6. Dio, che fé quant’è di passaggio
e creò quest’amor lontano
poter mi dia, n’avrò coraggio,
di veder quest’amor lontano
in luogo invero così fino
ch’io ricordi stanze e giardino
come un bel palazzo incantato.
 
7. Chiamarmi ingordo non è oltraggio:
avido io son d’amor lontano
poiché non altro è il mio miraggio
che la gioia d’amor lontano.
Ma il mio voler non è destino,
così m’ha dannato il padrino:
ch’io amassi ma non fossi amato.
R. Ma il mio voler non è destino
Così m’ha dannato il padrino
Ch’io amassi ma non fossi amato.
 
Grazie!
ringraziato 2 volte
Potete utilizzare tutte le mie traduzioni purché citiate la fonte.
Postato da Pietro LignolaPietro Lignola Ven, 08/12/2017 - 20:38
Ultima modifica Pietro LignolaPietro Lignola Gio, 11/04/2019 - 16:09
Commenti dell’autore:

Ho cercato di riprodurre la struttura del testo originale, in novenari e con il medesimo sistema di rime.

Altre traduzioni di “Lanqan li jorn son ...”
Commenti fatti
Pietro LignolaPietro Lignola    Gio, 11/04/2019 - 16:08

Famoso canto di Jaufré all'amore lontano.
Dalla "Vida": Jaufré Rudel di Blaia fu un uomo molto cortese, principe di Blaia. E si innamorò della contessa di Tripoli, senza vederla, per il bene che ne aveva sentito dire dai pellegrini che venivano da Antiochia. E fece su di lei molte canzoni con delle belle melodie e semplici parole. E per la volontà di vederla, si fece crociato e si mise per mare, e in nave si ammalò e fu condotto a Tripoli, in un albergo, come morto. E fu fatto sapere alla contessa ed ella andò da lui, al suo letto, e lo prese tra le sue braccia. Ed egli seppe che quella era la contessa, e in quel momento recuperò l'udito e il respiro e ringraziò Dio per averlo tenuto in vita fino a che potesse vederla; e così morì tra le sue braccia. E lei lo fece seppellire con grandi onori nella casa del Tempio; e poi, quel giorno stesso, si fece monaca, per il dolore che ebbe per la morte di lui. (https://it.wikipedia.org/wiki/Jaufr%C3%A9_Rudel)