Scrivènno (traduzione in Italiano)

Pubblicità
Napoletano

Scrivènno

Chiù scrivo e chiù me sènto ca scrivèsse
sènza me fermà maje, na vita sana...
Nun saccio che m'affèrra 'int'a sta mana,
cómm' na frèva ca nun vo' passà.
 
E ca lle dico, mentre sta scrivènno,
a sta mana ca vòla cómm'o viénto
'ncòpp'a sti ccarte, ca lle dico:
"siénte... dimme na còsa... ma chi t'o ffa fà?"
 
Sapite che respónne? Rèsta muta
e po cuntinua a scrìvere... 'e ll'autunno...
'e ll'ómbre ca s'affàcciano 'int'e suónne,
ca nun se fanno maje e maje chiù afferrà...
 
'e ciérti sciure triste, spampanate,
ca so 'e speranze ca se so 'ngiallute...
Po métte 'o punto, po sta nu minuto...
e po d'o capo... è pronta a ccummincià!
 
Postato da Pietro LignolaPietro Lignola Gio, 12/09/2019 - 15:02
traduzione in ItalianoItaliano
Allinea i paragrafi
A A

Scrivendo

Più scrivo e più sento che scriverei
senza fermarmi mai, una vita intera...
Non so cosa mi prende in questa mano,
come una febbre che non vuol passare.
 
E che le dico, mentre sta scrivendo,
alla mano che vola come il vento
su queste carte, che cosa le dico:
"Senti... mi dici... chi te lo fa fare?"
 
Sapete che risponde? Resta muta...
poi continua a scrivere... dell'autunno...
delle ombre che s'affacciano nei sogni,
che non si fanno mai, mai più afferrare...
 
di certi fiori tristi, un po' appassiti,
che sono le speranze ormai ingiallite.
Poi mette il punto, si fema un minuto
e poi daccapo... è pronta a cominciare!
 
Potete utilizzare tutte le mie traduzioni purché citiate la fonte.
Postato da Pietro LignolaPietro Lignola Gio, 12/09/2019 - 15:14
Altre traduzioni di “Scrivènno”
Angelo Manna (1935 - 2001): 3 più popolari
Commenti fatti