Advertisements

Orchestraccia - Lella

Italiano (dialeto de Roma)
Italiano (dialeto de Roma)
A A

Lella

Te la ricordi Lella, quella ricca?
La moje de Proietti, er cravattaro?
Quello che c'ha 'r negozio su ar Tritone
Te la ricordi? Te l'ho fatta vedé
Quattr'anni fa, e nun volevi credé
Che 'nsieme a lei ce stavo proprio io
Te la ricordi poi ch'era sparita?
E che la gente e che la polizia
S'era creduta ch'era 'nnata via
(Con chi?)
Co uno co più sordi der marito...
 
E te lo vojo dì che so stato io!
E so quattr'anni che me tengo sto segreto
E te lo vojo dì, ma nun lo fa sapé...
Nun lo dì a nessuno, tiettelo pe te!
 
Je piaceva annà ar mare quann'è 'nverno
Fa l'amore cor freddo che faceva
Però le carze nun se le tojeva
A la Fiumara, ndo ce sta 'r baretto
Tra le reti e le barche abbandonate
Cor cielo griggio a facce su da tetto
'Na mattina, ch'era l'urtimo dell'anno
Me guarda co' 'na faccia 'ndifferente
"Me so' stufata, nun ne famo gnente"
(E poi?)
"E tireme su la lampo der vestito..."
 
E te lo vojo dì che so stato io!
E so quattr'anni che me tengo sto segreto
E te lo vojo dì, ma nun lo fa sapé...
Nun lo dì a nessuno, tiettelo pe te!
 
Aò, tu nun ce crederai, io nun c'ho più visto
L'ho presa ar collo e nun me so' fermato
Ché quann'è annata a tera, senza fiato
Dar cielo, da 'no squarcio, 'r sole è uscito
E io la sotteravo co ste mano
Attento a nun sporcamme sur vestito
Me ne so' 'nnato senza guardà 'ndietro
Nun c'ho rimorsi e mo' ce torno pure
Ma nun ce penso a chi ce sta là sotto, no
Io ce ritorno solo a guardà 'r mare!
Sì! Solo a guardà 'r mare ce ritorno
 
E te lo vojo dì che so stato io!
E so quattr'anni che me tengo sto segreto
E te lo vojo dì, ma nun lo fa sapé...
Nun lo dì a nessuno, tiettelo pe te!
Tiettelo pe te! Tiettelo pe te!
 
Obrigado!
Adicionado por LupriferLuprifer em Sábado, 30/03/2019 - 17:52

 

Orchestraccia: 3 mais populares
Comentários
Alberto ScottiAlberto Scotti    Domingo, 13/06/2021 - 17:10

Sarebbe bene dividere la canzone in strofe e ritornelli e anche correggere qualche errore. Qui una versione sistemata da me:

Te la ricordi Lella, quella ricca?
La moje de Proietti, er cravattaro?
Quello che c'ha 'r negozio su ar Tritone
Te la ricordi? Te l'ho fatta vedé
Quattr'anni fa, e nun volevi credé
Che 'nsieme a lei ce stavo proprio io
Te la ricordi poi ch'era sparita?
E che la gente e che la polizia
S'era creduta ch'era 'nnata via
(Con chi?)
Co uno co più sordi der marito...

E te lo vojo dì che so stato io!
E so quattr'anni che me tengo sto segreto
E te lo vojo dì, ma nun lo fa sapé...
Nun lo dì a nessuno, tiettelo pe te!

Je piaceva annà ar mare quann'è 'nverno
Fa l'amore cor freddo che faceva
Però le carze nun se le tojeva
A la Fiumara, ndo ce sta 'r baretto
Tra le reti e le barche abbandonate
Cor cielo griggio a facce su da tetto
'Na mattina, ch'era l'urtimo dell'anno
Me guarda co' 'na faccia 'ndifferente
"Me so' stufata, nun ne famo gnente"
(E poi?)
"E tireme su la lampo der vestito..."

E te lo vojo dì che so stato io!
E so quattr'anni che me tengo sto segreto
E te lo vojo dì, ma nun lo fa sapé...
Nun lo dì a nessuno, tiettelo pe te!

Aò, tu nun ce crederai, io nun c'ho più visto
L'ho presa ar collo e nun me so' fermato
Ché quann'è annata a tera, senza fiato
Dar cielo, da 'no squarcio, 'r sole è uscito
E io la sotteravo co ste mano
Attento a nun sporcamme sur vestito
Me ne so' 'nnato senza guardà 'ndietro
Nun c'ho rimorsi e mo' ce torno pure
Ma nun ce penso a chi ce sta là sotto, no
Io ce ritorno solo a guardà 'r mare!
Sì! Solo a guardà 'r mare ce ritorno

E te lo vojo dì che so stato io!
E so quattr'anni che me tengo sto segreto
E te lo vojo dì, ma nun lo fa sapé...
Nun lo dì a nessuno, tiettelo pe te!
Tiettelo pe te! Tiettelo pe te!

Read about music throughout history