Russia is waging a disgraceful war on Ukraine. Stand With Ukraine!

Dopo la tempesta текст

италијански
италијански
A A

Dopo la tempesta

Tu cosa ne sai
del vento caldo che vorrei?
Delle mie nuvole bianche e nere,
del mio gabbiano e le sue scogliere?
 
E cosa ne sai
dei cieli azzurri che non hai?
Di quando io mi ritrovo sola,
un mare immenso e laggiù una vela?
 
Provo a dire «No!»
buttando all'aria quel che ho.
Gli schiaffi presi e poi ridati,
bicchieri frantumati.
 
E giuro di non farlo più,
che non esisti solo tu,
ma dopo la tempesta è quiete,
di te ho di nuovo sete.
 
Tu cuore non hai
perché mi spezzi quando vuoi.
 
Se vedo i segni sulla tua pelle
delle avventure con altre donne ...
 
... cerco un'altra via,
magari un po' di compagnia;
un uomo in mezzo a tanta gente,
che mi liberi la mente.
 
E giuro di non farlo più,
che non esisti solo tu,
ma dopo aspetto che ritorni
contando tutti i giorni.
 
Tu cuore non hai
perché mi spezzi quando vuoi.
 
Non ho più forze ormai.
Ti aspetto da una vita.
Ti aspetto qui, lo sai,
in questa casa.
 
Tu cuore non hai
perché mi spezzi quando vuoi.
 
E casco dentro ad un altro imbroglio
perché nel corpo sei tu che voglio.
 
Provo a dire «No!»
buttando all'aria quel che ho.
Gli schiaffi presi e poi ridati,
bicchieri frantumati.
 
E giuro di non farlo più,
che non esisti solo tu,
ma dopo la tempesta è quiete,
di te ho di nuovo sete.
 
Cerco un'altra via,
magari un po' di compagnia;
un uomo in mezzo a tanta gente,
che mi liberi la mente.
 
E giuro di non farlo più,
che non esisti solo tu,
ma dopo aspetto che ritorni
contando tutti i giorni.
 
E aspetto che ritorni
contando tutti i giorni...
 
Хвала!
захваљено 1 пут
Поставио/ла: OndagordantoOndagordanto У: Недеља, 21/06/2015 - 21:47
Last edited by victorianovakvictorianovak on Уторак, 15/06/2021 - 08:29
Коментари подносиоца:

Testo: Alberto Salerno
Musica: Gianni Bella
Arrangiamento: Phil Palmer

 

Marcella Bella: Top 3
Idioms from "Dopo la tempesta"
Коментари
Read about music throughout history